Veganuary: la sfida del gennaio vegano e sostenibile

La nostra alimentazione può invertire la rotta del cambiamento climatico?

 

 

Vegan

Partiamo dalle basi, che cos’è il Veganuary?

Si tratta di una vera e propria sfida: 31 giorni, quindi unga tutto il mese di gennaio, di alimentazione 100% di origine vegetale. Un evento globale che dona visibilità al tema del veganesimo con un approccio ingaggiante e sfidante. Veganuary nasce nel 2014, dalla crasi di due parole, vegan e january ad opera di un’organizzazione no-profit inglese che punta i riflettori sui benefici dell’alimentazione vegana che coinvolgono ambiente, animali e persone.

 

 

Oltre Veganuary, ascolta il nostro podcast SaveBiking: un’app sostenibile che ti premia

 

 

E in Italia?

Nel nostro Paese Veganuary è promosso da Essere Animali, un’organizzazione che lavora per la tutela degli animali e ne testimonia i maltrattamenti.

Come fare per partecipare? Noi di Radio Activa Plus abbiamo provato. I passi sono semplici, infatti basta iscriversi gratuitamente alla newsletter tramite il portale italiano di Veganuary e poi aspettare l’immancabile mail del giorno per i 31 giorni della sfida. Il contenuto? Non solo ricette, ma anche consigli nutrizionali, trucchi per fare una spesa efficace ed efficiente. E poi proposte di nuove attività che possono avere un impatto sul nostro stile di vita e aiutare a combattere il disastro climatico.

Lo sapevi che la dieta vegana è quella a minor impatto ambientale?

 

 

Oltre Veganuary, leggi anche: Le PMI italiane sono sostenibili?

 

 

Non finisce qui. Il tema sostenibilità è sempre più al centro delle politiche economiche e finanziarie delle imprese e questo perché?

Essere sostenibili paga, non solo in termini di immagine, ma di ritorni di investimento. In questa direzione, Veganuary si avvale anche della collaborazione di PMI e grandi aziende che ogni anno, a gennaio, si impegnano ad ampliare la propria proposta di prodotti vegani, a inserire più opzioni vegetali nei loro menù e a diffondere i principi di un’alimentazione plant-based. Tra le realtà che negli ultimi anni hanno deciso di aderire a Veganuary in Italia troviamo non solo catene di ristorazione quali Rossopomodoro e Capatoast, ma anche giganti della distribuzione quali Aldi e Lidl e servizi di food delivery come Deliveroo e Thefork.

Nella nostra redazione abbiamo accettato la sfida, la domanda ora è se riusciremo a superarla. Nodo al fazzoletto digitale e ci risentiamo il primo febbraio.

 

A tema sostenibilità: Dagli USA svolta storica sull’energia nucleare

Potrebbero interessarti

PODCAST

Sostenibilità

Il futuro della transizione energetica in Italia

Ospite: Ilaria Sergi

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cybersecurity

Dati sanitari “liberati” a favore della Ricerca. Senza rinunciare alla tutela della privacy

Ospite: Luca Bolognini, Diego Fulco, Raffaella Grisafi

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte