START UP & HOLD ON

Democratizzare servizi sanitari e tecnologie, l’obiettivo di Mia-Care

Intervista a Marzio Ghezzi, CEO dell’azienda

 

 

“Una sola piattaforma, infinite possibilità” recita lo slogan di Mia-Care, startup innovativa che supporta la trasformazione digitale delle aziende del mondo Pharma, Med Tech e Digital Health. La software suite di Mia-Care si basa infatti su uno stack tecnologico che permette di disegnare, realizzare, rilasciare e orchestrare con semplicità nuovi servizi e prodotti digitali, sfruttando una moderna architettura a micro-servizi.

“Pensate a una scatola di Lego”, spiega il CEO, Marzio Ghezzi. “Con tanti pezzettini riusciamo a costruire il manufatto digitale desiderato dal nostro cliente”. Procedere per micro-servizi è necessario visto che le applicazioni che di norma supportano i servizi erogati dal mondo sanitario italiano “sono state concepite come dei monoliti”, ovvero con codici difficili da far evolvere e inter-operare. Non è semplice collegare queste applicazioni obsolete a un mondo in cui il digitale e la multicanalità stanno diventando parte integrante dell’esperienza di fruizione dei servizi.

 

 

Ascolta anche: Il futuro della Sanità passa dall’Home care

 

 

Le aziende sanitarie oggi vivono questa difficoltà: il mondo va sempre più veloce, è sempre più digitalizzato e multicanale. I vecchi sistemi non riescono a realizzare quella trasformazione digitale che tutti chiedono a gran voce. L’architettura di Mia-Care, invece, permette di gestire l’esperienza del paziente con il Sistema Sanitario, la sua relazione con il medico, in maniera evolutiva. Il paziente è al centro e, a partire da lui, si disegnano servizi che possono essere orchestrati attraverso diverse applicazioni, collegati a diversi operatori.

 

 

Ascolta anche: Italiano expat o no, può servirti Unobravo

 

 

Mia-Care integra le soluzioni del passato. Con le parole del CEO: “Non si butta via niente, lo si fa evolvere. Il nostro prodotto viene posto come uno strato leggero al di sopra dei sistemi esistenti per collegarli e integrarli verso i canali digitali”. Questa è la potenza del software dell’azienda, che ne spiega il successo: chi si serve dei suoi servizi, infatti, non deve ricominciare tutto da capo. La soluzione è business friendly.

L’idea alla base sarebbe applicabile a più settori, ma Ghezzi tiene a spiegare al direttore editoriale di Radio Activa le ragioni che lo spingono a dedicarsi esclusivamente all’ambito Healthcare. Si tratta di democratizzare tecnologie e servizi sanitari. Per saperne di più, ascoltate i quattro podcast dedicati a Mia-Care.

Sabrina Colandrea

 

 




Ospite

Marzio Ghezzi

Laureato in Ingegneria elettronica al Politecnico di Milano e con un Executive MBA conseguito presso la SDA Bocconi, Marzio Ghezzi vanta esperienza internazionale in ambito hi-tech (dispositivi medici, farmaceutica e industrie automobilistiche). Negli anni ha realizzato diversi progetti EMS, ODM e OEM, nonché soluzioni PaaS e SaaS. Ha guidato startup in rapida evoluzione e in rapida crescita. È stato General Manager di Flextronics e BrightInsight. Oggi è CEO di Mia-Care e Head of Healthcare Business per Mia-Platform.

POTREBBERO INTERESSARTI

Xam Xam

Il nuovo programma di Radio Activa in collaborazione con WeAfricansUnited che viaggia alla scoperta delle innovazioni del continente africano. Un percorso che porta alla luce

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo