ED È SUBITO SIRI

E se fosse un Bot a parlarci di Diritti Civili?

Intervista a Marco Cappato

 

Diritti Civili e Intelligenza Artificiale, è proprio di questo che parleremo nella nuova puntata di Ed è Subito Siri, condotta come sempre dal nostro linguista computazionale Michele Stingo. E lo faremo con un ospite d’eccezione, Marco Cappato. Attivista di lungo corso, politico esponente dei Radicali e Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni. In Italia il nome di Marco Cappato è quasi sempre associato alle battaglie per i diritti civili, in particolare sul tema dell’eutanasia legale. Oggi affrontiamo questo tema da un punto di vista solo apparentemente nuovo.

Come si collegano AI e diritti civili? L’anno scorso, in un’intervista con L’Espresso Cappato diceva:

«Il bene più prezioso è la conoscenza […]. Per questo abbiamo pensato di creare il CitBot, un’intelligenza artificiale che finalmente […] è al servizio dei cittadini, per rafforzare il cittadino magari proprio nei confronti delle aziende e dello stato».

Ma facciamo un passo indietro. “Ogni tecnologia può essere utile per promuovere nuove libertà”. Tuttavia, in molti casi può anche diventare un mezzo di manipolazione e di oppressione. E l’intelligenza artificiale non è un’eccezione, anzi; è una tecnologia che ci sta cambiando la vita, ma ci sono tante cose che potrebbe fare concretamente per i cittadini. L’Associazione Luca Coscioni ne è convinta e ha deciso di dare vita a CitBot, l’intelligenza artificiale che dà informazioni (tramite chat) sul testamento biologico, ma anche aborto e contraccezione, cannabis legale, diritti per l’immigrazione ecc. Nato dalla constatazione che della legge sul testamento biologico si sa pochissimo e si è fatto ancora meno, CitBot vuole portare chiarezza ai cittadini. E questo è solo uno degli esempi virtuosi di come l’Ai può concretamente mettersi al servizio della Società.

 

Ascolta anche: Ai, politica e attualità: tra fake news e tracciamento dati 

 

Il tema dell’intelligenza artificiale non può dunque prescindere dai grandi dibattiti etici che ne ruotano intorno. L’Ai  non deve essere solo protagonista dell’accrescimento delle ricchezze delle grandi aziende; ma può essere anche un importante strumento messo a disposizione dal Governo per i propri cittadini. Nel Nord Europa, per esempio, da anni sono utilizzate le intelligenze artificiali per supportare la comunicazione e lo scambio di informazioni tra Stato e Cittadino. Come ben sappiamo, il Nord Europa è anche terreno fertile per i ricercatori, con un sistema ben consolidato per garantire fondi alla ricerca e supportare gli studi più d’avanguardia del Continente.

Rita Levi Montalcini ha detto: “L’ingegno e la libertà di ricerca è quello che distingue l’Homo Sapiens da tutte le altre specie”. Tutto ciò che siamo oggi, lo dobbiamo molto alla ricerca e allo sviluppo delle tecnologie: pensiamo al fuoco, alla ruota, dall’automobile a Internet. Se la scienza non fosse stata supportata, il mondo che conosciamo non esisterebbe, sarebbe diverso. Il biologo Peter Medawar ha affermato che “il grande merito della scienza non è tanto quello di aver sconfitto le malattie, ma di averci liberato dalle superstizioni e dall’ignoranza”. Però, a giudicare dalla diffusione di tutti i movimenti a quali stiamo assistendo negli ultimi anni, dai noVax ai terrapiattisti passando per i QAnon, è forte il dubbio: davvero la scienza ci ha liberato dall’ignoranza?

 

Ascolta anche: AI Journey. Dalla Coalition for Critical Technology alla “Farewell to Research”

 

Stiamo vivendo in un’epoca particolare, l’emergenza sanitaria ci ha costretto a ripensare alla nostra quotidianità, a ciò che stavamo dando per scontato. Per tante persone è stato un momento di riflessione su di sé; per molti altri, però, è diventata fonte di stress e di giustificato malessere, non solo fisico ma anche mentale. I bollettini sui positivi, i dati delle curve epidemiologiche, le prospettive di virologi e comitati tecnico-scientifici, anziché informare i cittadini e quindi guidarli verso comportamenti virtuosi, spesso sortiscono l’effetto contrario, e l’Infodemia impera soprattutto sui social. La paura, e di conseguenza l’ignoranza, sono più contagiose di un virus – a rivelarlo lo studio “Assessing the risks of ‘infodemics’ , pubblicato sulla rivista Nature human behaviour, condotto dagli esperti della Fondazione Bruno Kessler di Trento. Come aiutare i cittadini?

L’Associazione Luca Coscioni dall’inizio dell’emergenza chiede che siano resi pubblici e accessibili a tutti i dati sulla pandemia, per metterli a disposizione della comunità scientifica, dei data journalists, dei ricercatori e in generale per chiunque voglia utilizzarli per analisi indipendenti. (ebbene sì, torniamo al punto di partenza: la Conoscenza). Hanno così messo in piedi la piattaforma di whistleblowing CovidLeaks, avendo ricevuto dei dati – ad oggi ignoti – sulla Lombardia e la Toscana, per condividerli con tutti in forma anonima, sperando che sia un modo per far comprendere al Governo dell’utilità e dell’urgenza di questi strumenti. Trattandosi di file anonimi, non ci è possibile garantire l’integrità dei dati. Infatti la richiesta dell’Associazione è che siano le Istituzioni a liberare tutti i dati. Condividere i dati non è solo una questione finalizzata alla ricerca, ma proprio per accrescere la consapevolezza comune di tutti i cittadini. Perché un popolo consapevole è la base di una vera Democrazia.

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

Marco Cappato

Marco Cappato, classe 1971 è un politico e attivista italiano. Laureato in economia, è Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, promotore del Congresso mondiale per la libertà di ricerca e della campagna Eutanasia legale. Un passato da deputato europeo radicale, Consigliere comunale e metropolitano a Milano e Presidente di Radicali Italiani. Giornalista pubblicista, attualmente cura l’edizione domenicale della rassegna stampa di Radio radicale “Stampa e regime”. Ha ottenuto popolarità sul piano politico e sociale soprattutto per la vicenda di Dj Fabo, uomo tetraplegico in seguito ad un incidente, che Cappato ha accompagnato in Svizzera per potergli permettere il suicidio assistito.

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore