ED È SUBITO SIRI

I sistemi complessi

Quanto è difficile fare previsioni?

 

 

Il 2021 è stato un anno di grandi traguardi per l’Italia, e non solo sportivi. Difatti, il Nobel per la Fisica è stato assegnato a un accademico italiano: Giorgio Parisi, classe 1948, che ha avuto il merito di creare un modello matematico che riuscisse a rappresentare i sistemi  complessi; un premio, ci tiene a specificare lo stesso studioso, che è condiviso con tutta la sua squadra di lavoro. Un progetto fatto di tentativi e, come quotidianamente avviene in campo scientifico, partito senza sapere inizialmente dove sarebbe arrivato.

Parliamo quindi di sistemi complessi in questa nuova puntata di Ed è subito Siri. I nostri speakers, Michele Stingo, Fabio Ragno ed Enrico Iannucci, ci accompagnano in una disamina leggera e sarcastica degli esempi che ci circondano.

 

 

Ascolta anche: Fake news, IA e dismorfia da call

 

In primis, perché complesso? Un sistema si può definire tale quando, nonostante l’operato prevedibile delle singolarità che lo compongono, è molto difficile valutare l’evoluzione nel suo insieme. Per una curiosa coincidenza, “il termine complessità fu introdotto nel 1948 dal padre della biologia molecolare Warren Weaver (1894-1978) in un articolo intitolato Science and complexity”, proprio nell’anno di nascita del fisico Parisi, come riporta l’Enciclopedia della Matematica Treccani.

Esistono diversi esempi di sistemi complessi: il clima, il cervello (non solo quello femminile), ma anche i sistemi di Customer Care, di Supply-Chain… E questi sono solo alcuni. I nostri speakers, infatti, mettono in luce le problematiche nella comprensione del linguaggio e di come questa criticità vada a influire nella costruzione dell’Intelligenza Artificiale.

 

 

Ascolta anche: La fiducia nelle nuove tecnologie

 

 

Infine, oltre la teoria, non è complicato pensare a quanto, ogni giorno, questa complessità abbia ricadute più o meno gravi sulla nostra vita. Provando a guardare al futuro: acquisteremo mai una completa fiducia nei modelli che cercano di spiegare questi sistemi? C’è la possibilità che l’incerto diventi prevedibile o siamo solo destinati a rimanere i moderni Maya?

Redazione

 

 

Ospite

POTREBBERO INTERESSARTI

Xam Xam

Il nuovo programma di Radio Activa in collaborazione con WeAfricansUnited che viaggia alla scoperta delle innovazioni del continente africano. Un percorso che porta alla luce

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo