OLL IN

Scuola e digital transformation

Intervista all’onorevole Flavia Piccoli Nardelli

 

Parliamo di scuola. Parliamo di educazione. Lo facciamo con Flavia Piccoli Nardelli, deputata del Partito Democratico, docente di filosofia e dirigente del settore culturale. Iniziamo dalla Legge 107 o Buona Scuola, “una grande occasione che non siamo riusciti a far passare” dice Nardelli, per poi toccare il tema dei beni culturali.

“Lavorare in Commissione Cultura della Camera (o del Senato) significa occuparsi di storia, di università e di ricerca da un lato e di beni culturali dall’altro. La cultura deve comprendere i due momenti”, Flavia Piccoli Nardelli.

Quando si guarda al nostro patrimonio si profila una dicotomia: quella tra tutela e fruizione. Quanto è già stato fatto? Cosa migliorare? Per Nardelli è arrivato il momento di spingere: via alle app, all’impresa culturale creativa.

 

Ascolta anche: CodeTheFuture: a lezione di creative learning

 

Le domande non si esauriscono qui: Convenzione di Faro, digitalizzazione, nuovi rapporti con la tecnologia… Flavia Piccoli Nardelli fa il punto argomento dopo argomento. Il digitale vuol dire ripensare le tecniche di insegnamento e gli archivi, dice. I risultati saranno straordinari, ma siamo in ritardo. La realtà avanza a grande velocità. Noi dobbiamo starle dietro, come cittadini, come governo. Affrontare oggi i problemi di domani, progettare il futuro.

Il fil rouge è l’attenzione al cambiamento. Un filo che collega scuola, ricerca e patrimonio. Per trovare il bandolo della matassa ascoltate il podcast!

Eleonora Medica

 

 

Ospite

Flavia Piccoli Nardelli

Flavia Piccoli Nardelli, figlia dell’ex Ministro e Segretario della Democrazia Cristiana Flaminio Piccoli, è una deputata del Partito Democratico, oggi capogruppo del Partito Democratico in commissione “Cultura, Scienza e Istruzione” alla Camera e membro della commissione bicamerale di vigilanza sui Servizi Radiotelevisivi. Dopo la laurea in Filosofia presso l'Università La Sapienza, ha insegnato al liceo classico Virgilio e in altre scuole romane e ha ricoperto ruoli dirigenziali in ambito culturale. Dal 1989 al 2013 è stata Segretario generale dell’Istituto Luigi Sturzo. Inoltre ha fatto parte del consiglio d’amministrazione del consorzio BAICR (Biblioteche Archivi Istituti Culturali Romani), occupandosi di alta formazione e di formazione a distanza. È stata membro del comitato direttivo dell’AICI (Associazione Istituti Culturali Italiani), lavorando a progetti sui nuovi modelli di gestione e fruizione e sulle trasformazioni economiche in atto nei beni culturali, approfondendo gli aspetti legislativi, fiscali e operativi del lavoro culturale. Ha anche fatto parte del consiglio d'amministrazione della Fondazione Alcide De Gasperi di Trento, della Fondazione Della Rocca del Gruppo dei dieci, fondato dall'ambasciatore Cesidio Guazzaroni, e del comitato di redazione di Civitas, rivista di ricerca storica e di cultura politica fondata nel 1919 da Filippo Meda. Alle elezioni politiche del 2013 è stata eletta deputata della XVII legislatura della Repubblica nella circoscrizione Piemonte 2 per il Partito Democratico. Assegnata alla commissione Cultura della Camera, ne è diventata prima Segretario, poi Vice Presidente e, a partire dal 2015, Presidente, in sostituzione di Giancarlo Galan di Forza Italia, che fino a quel momento aveva rifiutato le dimissioni. Inoltre, ha fatto parte del direttivo dell'intergruppo parlamentare Cultura e Sviluppo, che riuniva 60 deputati di tutti gli schieramenti, per affrontare il tema della cultura per lo sviluppo del Paese.

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore