Around rivoluziona il mondo delle Doggy Bag

Entrata a far parte dell’ecosistema di LifeGate Way, Around offre al mercato italiano un nuovo modello sostenibile di utilizzo del packaging, che incentivi il riutilizzo degli imballaggi e riduca gli sprechi alimentari

 

 

Ogni anno, centinaia di migliaia di tonnellate di macro-plastiche finiscono nei mari: “il 50% dei rifiuti prodotti da un cittadino riguarda gli imballaggi e il 40% della plastica nel mondo è costituito da imballaggi monouso“. Questi allarmanti dati sono stati il punto di partenza per Giulia Zanatta, Daniele Cagnazzo e Alberto Garuccio, che, nel bel mezzo del lockdown, hanno creato Around, un innovativo aggregatore di servizi Zero Waste nel settore food.

Around

 

Leggi anche: Abbiamo provato la “carne-non carne” di Impact Food

 

 

Around ha fatto poi il suo ingresso nell’ecosistema di LifeGate Way, un passo importante accompagnato proprio dall’obiettivo di promuovere l’Open Innovation e la sostenibilità. E oggi la startup sta portando in Italia un nuovo modello circolare per l’utilizzo del packaging, rivolgendosi sia ai ristoratori che ai consumatori.

In questo momento, post-pandemia, in cui siamo ormai sempre più abituati a concederci l’uso massivo di servizi di consegna e asporto, questa soluzione innovativa può contrastare l’uso eccessivo di imballaggi monouso e aiutarci a ridurre gli sprechi alimentari.

 

 

Leggi anche: Come Big Data e AI contribuiranno a migliorare il sistema di allerta anti-tsunami

 

 

Around: un approccio nuovo all’economia circolare

La chiave dell’approccio di Around è stata, in primis, l’introduzione di packaging riutilizzabile per i servizi di asporto e Food Delivery. In secondo luogo, la possibilità di acquistare il cibo rimasto invenduto a fine giornata a prezzi scontati, decisi dai ristoranti. Infatti, i contenitori di Around sono progettati per essere riutilizzati e dotati di un QR code che collega all’app Aroundrs, disponibile su Apple Store e Google Play.

Questo progetto beneficia, quindi, sia i ristoratori che i consumatori. I ristoratori possono sottoscrivere un abbonamento personalizzato, riducendo la quantità di rifiuti da imballaggio e i consumatori, d’altra parte, possono visualizzare i ristoranti che hanno aderito al progetto e noleggiare gratuitamente il packaging della startup per il proprio asporto, restituendolo entro sette giorni. Il lavaggio può essere gestito dal ristorante stesso, oppure si può optare per il servizio extra di lavaggio centralizzato offerto da Around.

 

 

Ascolta il nostro podcast La grande sete: le azioni per far fronte alla crisi climatica

 

 

Around è già operativa a Milano, ma l’obiettivo a breve termine è quello di espandersi nelle principali città italiane, tra cui Torino, Bologna, Firenze e Treviso. La missione del team è chiara: combattere gli sprechi, ridurre gli imballaggi usa e getta e promuovere uno stile di vita circolare e sostenibile nel mondo della ristorazione.

 

Ascolta la nostra intervista: La scienza oltre gli estremismi

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci