Con l’olografia e l’intelligenza artificiale i grandi artisti del passato tornano a emozionare il pubblico dal vivo

Tupac Shakur, Ronnie James Dio, Frank Zappa, Michael Jackson, Whitney Houston, Amy Winehouse, John Lennon… gli artisti defunti “resuscitano” sui palcoscenici dei festival più importanti a livello mondiale grazie all’olografia e all’intelligenza artificiale

 

 

L’olografia è la tecnica di riproduzione fotografica in grado di mostrare le caratteristiche di un oggetto o di un soggetto in forma tridimensionale, mediante l’interferenza di onde luminose. In alternativa, riproduce la voce grazie all’intelligenza artificiale, come nel caso di quella di John Lennon che interpreta il brano “Now and Then”, estrapolata da una vecchia audiocassetta. Dopo il positivo riscontro del loro utilizzo combinato durante numerosi eventi formativi da remoto, l’olografia e l’intelligenza artificiale stanno trasformando anche il mercato discografico e quello dei concerti dal vivo.

L’AI consente l’elaborazione e la manipolazione dell’audio stesso”, dichiara Antonio Franzese, Co-Founder di Media Engineering, società italiana specializzata in olografia, software, realtà virtuale e aumentata. “È sufficiente, infatti, partire anche da piccole tracce audio per ricostruire una voce di una persona defunta, famosa e non”.

 

 

Leggi anche: Media Engineering, la PMI che unisce intelligenza artificiale e ologrammi

 

 

Abbinata all’olografia, l’AI consentirà agli spettatori di un concerto di vivere di nuovo, a distanza di anni, le performance di un artista defunto, non solo dal punto di vista audio, ma anche da quello della sua fisionomia, delle sue movenze sul palco e del suo look, per una full immersion a 360° nell’evento.

La soluzione di intelligenza artificiale “made in Media Engineering” permette di creare un avatar realistico e interattivo, capace di apprendere e di adattarsi alle interazioni con le persone. Il suo aspetto può variare a seconda delle preferenze dell’utente o delle finalità dell’applicazione. Le principali caratteristiche dell’avatar olografico con AI sono le seguenti.

  1. Realismo: l’avatar è progettato per essere il più realistico possibile, con dettagli accurati come espressioni facciali, movimenti corporei naturali e gesti interattivi.
  2. Intelligenza artificiale: l’avatar è alimentato da un sofisticato sistema di intelligenza artificiale, che gli consente di comprendere e rispondere alle interazioni degli utenti in modo coerente e significativo.
  3. Apprendimento automatico: l’avatar olografico è in grado di apprendere e migliorarsi nel tempo, adattandosi alle preferenze e ai comportamenti degli utenti.
  4. Interazione naturale: gli utenti possono comunicare con l’avatar attraverso il linguaggio naturale o gesti interattivi, rendendo l’esperienza di interazione più coinvolgente.
  5. Funzionalità specifiche: a seconda del contesto, l’avatar olografico può avere funzioni specifiche, come fornire assistenza virtuale, simulare un insegnante, svolgere compiti di intrattenimento o essere un’interfaccia per il controllo di sistemi intelligenti.
  6. Personalizzazione: gli utenti possono personalizzare l’aspetto dell’avatar, scegliendo tra stili, caratteristiche e personalità. Ad esempio, si può usufruire di avatar dall’aspetto umanoide oppure fantastico, in base al contesto d’uso.
  7. Adattabilità: l’avatar è in grado di adattarsi a diversi ambienti o piattaforme, consentendo agli utenti di interagire con esso in modi diversi, come attraverso dispositivi mobili, visori VR o schermi interattivi.

 

 

Leggi anche: AI: si moltiplicano gli investimenti miliardari delle aziende

 

 

 

Le soluzioni di avatar olografico con AI sono utilizzate in una vasta gamma di settori: oltre all’intrattenimento, la formazione, l’assistenza virtuale, la medicina e molti altri.

Oggi possiamo ri-costruire e ri-animare le persone grazie a diverse tecniche, come quelle di gioco , spiega Franzese. “In questo caso ci affidiamo a telecamere particolari che, dopo aver osservato il movimento, consentono di creare lo scheletro di una persona, reale oppure no, e poi memorizzare le sue movenze. Grazie al Machine Learning, all’apprendimento da parte della macchina, lo scheletro impara le movenze e, successivamente, le abbina al parlato.

Ma qual è il senso di rivivere un artista scomparso? Non si tratta tanto del desiderio di tornare indietro nel tempo, della nostalgia degli anni della giovinezza da parte dei fan, né va intepretato come una mancanza di rispetto nei confronti di un interprete le cui canzoni hanno segnato la storia della musica. “Il compito dell’olografia – aggiunge Antonio Franzese – è solo uno: far rivivere gli interpreti, facendoli conoscere, assieme ai loro brani e alle loro performance, anche alle nuove generazioni, rendendoli eterni. È utile anche dal punto di vista formativo: un giovane, attraverso la visione di un ologramma durante un concerto, può conoscere la storia della musica italiana e internazionale, di tutti i generi, non focalizzandosi solo sul rap, sulla trap o sull’hip hop. Un’altra caratteristica importante dell’olografia è l’ubiquità: l’ologramma di un artista che si esibisce può essere contemporaneamente in due o più palcoscenici di città diverse, magari in occasione di festival musicali programmati nello stesso periodo”.

 

 

Leggi anche: “Serve un ecosistema dell’Industria dell’Innovazione”. A Roma l’incontro tra istituzioni e startup

 

 

Naturalmente, nel prossimo futuro sarà fondamentale la formazione di nuovi professionisti specializzati nell’analisi dei dati e nel governo dell’intelligenza artificiale per insegnare alle macchine ad apprendere, in quanto i dispositivi imparano a fare cose solo se hanno a disposizione dati, ma anche emozioni.

Ricreare la sfera emozionale umana implica la necessità di una regolamentazione, conclude Franzese. Dopo il blocco di OpenAI in Italia da parte del Garante della Privacy, la Comunità Europea sta lavorando all’AI ACT, che regolamenterà l’uso dell’intelligenza artificiale. Un documento fondamentale, considerando che esistono, ad esempio, dei tool gratuiti che, tramite Machine Learning, consentono di passare dal testo ai segmenti vocali riproducendo frasi mai dette dalle persone oppure frasi divulgate senza il loro consenso”.

Redazione

Potrebbero interessarti

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci

PODCAST

Health

La sostenibilità nel settore residenziale: comfort abitativo e rispetto dell’ambiente

Ospite: Paolo Mezzalama

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana

PODCAST

Madè (CONTENTS): così l'AI sta cambiando il mondo del lavoro
Intelligenza artificiale

Tommaso Madè (Contents): “Così l’AI sta cambiando il mondo del lavoro”

Ospite: Tommaso Madè

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Superstudio Events: pionieri della sostenibilità negli spazi per grandi eventi
Sostenibilità

I grandi eventi si fanno sempre più green

Ospite: Tommaso Borioli

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana