Employer Branding: cos’è e perché è essenziale oggi

Per attrarre i migliori talenti non bastano più i soliti benefit ed è per questo che è nato l’Employer Branding

 

 

Nel mondo altamente competitivo del reclutamento di talenti, le aziende si stanno rendendo conto che offrire un generico pacchetto di benefit e stipendi competitivi non è più sufficiente per attrarre e trattenere i migliori professionisti. Oggi, più che mai, si sta dando importanza all’Employer Branding, un concetto che sta guadagnando sempre più rilevanza nelle strategie di gestione delle risorse umane.

 

 

Leggi anche: Il report di Enea dice che lo Smart Working fa bene all’ambiente

 

 

La rivoluzione dell’Employer Branding

L’Employer Branding non è semplicemente un termine di moda nel mondo del recruiting, è una filosofia che pone l’accento sulla costruzione di una reputazione positiva e attrattiva per i datori lavoro. Il concetto si concentra sull’idea che un’azienda debba essere vista come un luogo dove le persone vogliono lavorare non solo per il compenso, ma anche per i valori, la cultura aziendale e le opportunità di crescita che offre.

Ma perché questo concetto è diventato così essenziale oggi?

La risposta è semplice: le aspettative dei candidati e dei dipendenti sono cambiate. I professionisti di oggi cercano molto più di un semplice lavoro; vogliono una carriera significativa in un’organizzazione che rispecchi i loro valori e obiettivi personali.

Un elemento sempre più evidente con l’ingresso nel mondo del lavoro delle nuove generazioni: Millenial e Z.

 

 

Leggi anche: Lavoro, i benefit più richiesti

 

 

Attrarre i migliori talenti

Per le aziende, l’Employer Branding è diventato uno strumento fondamentale per intercettare i migliori candidati sul mercato. Quando un’azienda può contare su una salda reputazione nel mercato del lavoro, i professionisti di alto livello sono più inclini a considerarla come una destinazione per la propria carriera. Questo significa che l’azienda può scegliere tra una vasta gamma di candidati altamente qualificati, aumentando la probabilità di assunzioni che portino un valore aggiunto.

Mentre uno stipendio competitivo e i tradizionali benefit rimangono importanti, l’Employer Branding riconosce che l’esperienza dei dipendenti è altrettanto cruciale. Le aziende che investono nella creazione di un ambiente di lavoro positivo e supportivo possono contare su dipendenti felici e motivati. Questo non solo influisce sulla produttività, ma riduce anche il turnover del personale, facendo risparmiare tempo e risorse che andrebbero altrimenti investiti nell’assunzione e nella formazione di nuovi dipendenti.

 

 

Leggi anche: ChatGPT, il 41% degli italiani pensa che sarà un supporto al lavoro

 

 

Costruire un Employer Branding efficace

Per avere successo, le aziende devono considerare i seguenti passi.

  1. Identificare i valori aziendali.
  2. Comunicarli in modo efficace.
  3. Coinvolgere i dipendenti, cioè chiedere loro materialmente dei feedback e costruire una collaborazione a lungo termine che valorizzi il loro punto di vista.
  4. Migliorare l’esperienza di recruiting. Quanti di noi hanno subito selezioni infinite? Quanti di noi sono stati “ghostati” da un’azienda? Quanti sono andati incontro a interminabili sessioni di test senza neanche sapere quale sarebbe stato il livello retributivo? Tutti questi elementi influiscono sulla percezione del brand aziendale in maniera negativa.
  5. Monitorare e adattarsi, ovvero verificare regolarmente l’efficacia delle iniziative di Employer Branding ed essere abbastanza lungimiranti da intervenire nel caso non dovessero essere efficaci.

Mi rivolgo direttamente alle aziende: vi state muovendo così?

 

Ascolta il nostro podcast: Da startup a grande azienda in quattro anni. La storia di Kineton

Francesca Ponchielli

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci