START UP & HOLD ON

Democratizzare servizi sanitari e tecnologie, l’obiettivo di Mia-Care

Intervista a Marzio Ghezzi, CEO dell’azienda

 

 

“Una sola piattaforma, infinite possibilità” recita lo slogan di Mia-Care, startup innovativa che supporta la trasformazione digitale delle aziende del mondo Pharma, Med Tech e Digital Health. La software suite di Mia-Care si basa infatti su uno stack tecnologico che permette di disegnare, realizzare, rilasciare e orchestrare con semplicità nuovi servizi e prodotti digitali, sfruttando una moderna architettura a micro-servizi.

“Pensate a una scatola di Lego”, spiega il CEO, Marzio Ghezzi. “Con tanti pezzettini riusciamo a costruire il manufatto digitale desiderato dal nostro cliente”. Procedere per micro-servizi è necessario visto che le applicazioni che di norma supportano i servizi erogati dal mondo sanitario italiano “sono state concepite come dei monoliti”, ovvero con codici difficili da far evolvere e inter-operare. Non è semplice collegare queste applicazioni obsolete a un mondo in cui il digitale e la multicanalità stanno diventando parte integrante dell’esperienza di fruizione dei servizi.

 

 

Ascolta anche: Il futuro della Sanità passa dall’Home care

 

 

Le aziende sanitarie oggi vivono questa difficoltà: il mondo va sempre più veloce, è sempre più digitalizzato e multicanale. I vecchi sistemi non riescono a realizzare quella trasformazione digitale che tutti chiedono a gran voce. L’architettura di Mia-Care, invece, permette di gestire l’esperienza del paziente con il Sistema Sanitario, la sua relazione con il medico, in maniera evolutiva. Il paziente è al centro e, a partire da lui, si disegnano servizi che possono essere orchestrati attraverso diverse applicazioni, collegati a diversi operatori.

 

 

Ascolta anche: Italiano expat o no, può servirti Unobravo

 

 

Mia-Care integra le soluzioni del passato. Con le parole del CEO: “Non si butta via niente, lo si fa evolvere. Il nostro prodotto viene posto come uno strato leggero al di sopra dei sistemi esistenti per collegarli e integrarli verso i canali digitali”. Questa è la potenza del software dell’azienda, che ne spiega il successo: chi si serve dei suoi servizi, infatti, non deve ricominciare tutto da capo. La soluzione è business friendly.

L’idea alla base sarebbe applicabile a più settori, ma Ghezzi tiene a spiegare al direttore editoriale di Radio Activa le ragioni che lo spingono a dedicarsi esclusivamente all’ambito Healthcare. Si tratta di democratizzare tecnologie e servizi sanitari. Per saperne di più, ascoltate i quattro podcast dedicati a Mia-Care.

Sabrina Colandrea

 

 




Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ospite

Marzio Ghezzi

Laureato in Ingegneria elettronica al Politecnico di Milano e con un Executive MBA conseguito presso la SDA Bocconi, Marzio Ghezzi vanta esperienza internazionale in ambito hi-tech (dispositivi medici, farmaceutica e industrie automobilistiche). Negli anni ha realizzato diversi progetti EMS, ODM e OEM, nonché soluzioni PaaS e SaaS. Ha guidato startup in rapida evoluzione e in […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Digital divide - Intervista alla CEO di Eolo Spa, Daniela Daverio
Trasformazione digitale

Cosa fare per combattere il digital divide?

Ospite: Daniela Daverio

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Health

VillageCare, prima piattaforma italiana di care advisory

Ospite: Silvia Turzio

SMASH
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

A spasso tra città utopistiche e campagne distopiche

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Una galassia di opportunità: donne e Space Economy

Ospite: Denise Perrone

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

sovranità digitale
Politica e Innovazione

Sovranità digitale, cosa manca per raggiungerla?

Ospite: Andrea Quacivi

TALK ABOUT IT
con Marco Borgherese

PODCAST

Scopriamo Ernesto - Intervista al Founder e CEO Riccardo de Bernardinis
Trasformazione digitale

Ernesto, più di un semplice tuttofare

START M'UP
con Francesca Ponchielli