STRANGER BOOKS

Elena Mearini: “I passi di mia madre”, ovvero l’apertura al vuoto positivo

“La stesura di ogni romanzo ti porta ad attraversare territori che ti stanno dentro, con I passi di mia madre e la forma della lettera mi sono trovata a vivere una sorta di confessione con me stessa”, Elena Mearini

 

I passi di mia madre (Morellini Editore, 2021) di Elena Mearini è un romanzo di sentimenti. Da un lato l’amore, di una figlia per la madre. Dall’altro, il vuoto. Assordante. Onnipresente.

Agata, l’editor protagonista del libro, vive una vita di assenze. Prima quel vuoto allo stomaco, e i disordini alimentari che ne conseguono. Poi l’improvviso abbandono della madre, sparita senza lasciare traccia. E in ultimo, quel bisogno di affetto che Samuele, amante scostante, non vuole colmare.

Agata è pregna di un vuoto negativo, fatto di abbandono, perdita, inadeguatezza.

Ma un giorno qualcosa cambia. Agata decide di mettere per iscritto la storia della madre. Una lunga lettera-romanzo, per capire i perché dietro l’abbandono. Tornano i ricordi, si riaccende l’appetito. Il finale? Sorprende. Sta al lettore scoprire in che modo…

 

Ascolta anche: Needo: l’asilo viaggiante fatto di container

 

Elena Mearini scrive per immagini. Ogni pagina è una pennellata, un dettaglio prezioso. Un riflesso in controluce. Uno stile che viene esaltato dai riferimenti letterari che punteggiano il libro, forse “deformazione professionale” di un’autrice che è docente di scrittura creativa e poetessa.

Ma I passi di mia madre, oltre alla bellezza della prosa, si rivela terreno riflessione: “La prima esperienza che noi facciamo del vuoto è il grembo materno, un vuoto che accoglie, che si presta a noi. Un vuoto positivo”, spiega Elena Mearini. “Quando veniamo al mondo, invece, spesso abbiamo a che fare con un vuoto che è contenitore di mostri e di paure. I passi di mia madre è per me anche un addio al vuoto inteso in un’accezione negativa, per scoprire e aprirmi a un vuoto più positivo”.

Cosa è il vuoto? Come raccontarlo? E come veicolarlo in un Extended Book? Elena Mearini, Mauro Morellini e Alessandra Pagani provano a dare una risposta in questo podcast. È il momento di premere play!

Eleonora Medica

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ospite

Elena Mearini

Elena Mearini vive a Milano ed è autrice e docente di scrittura creativa e poesia. Ha pubblicato una raccolta di poesia per Liberaria editore, Strategie dell’addio, e due per Marco Saya Editore, Per silenzio e voce e Separazioni. Nella narrativa ha esordito con 360 gradi di rabbia per Excelsior 1881, e poi ha pubblicato A testa in giù, […]

Mauro Morellini

Nonostante sia allergico agli acari della carta, Mauro Morellini si è sempre occupato di libri, attraversando vari ambiti, dall’editoria scolastica, alla turistica, alla narrativa, ricoprendo vari ruoli, tra i quali quello di consulente dell’Associazione Italiana Editori e di direttore marketing di IBS. Nel 2004 ha fondato la casa editrice che porta il suo nome. I […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Hakeem Oluseyi: dalla strada allo spazio

XAM XAM
con Sarah Kamsu

PODCAST

People

Connecting Talents, dove talento e idee si incontrano

Ospite: Elena Accorinti

START UP & HOLD ON
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Politica e Innovazione

La transizione digitale del sistema finanziario

Ospite: Liliana Fratini Passi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Governance Tecnologica

Il futuro della Smart Mobility

Ospite: Paola Dameri, Paolo Lanari, Paola Poli

ECOSYSTEM STORIES
con Paolo Emilio Colombo

PODCAST

Cultura e Società

Il diritto all’oblio nell’era digitale

Ospite: Claudio Sarzotti, Chiara De Robertis

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Politica e Innovazione

Il progetto BASE ITALIA: etica e futuro per il Paese

Ospite: Marco Bentivogli

OLL IN
con Lelio Borgherese