NOVE VOLTE SETTE

La Matematica è donna nel film di Anna Novion “Il teorema di Margherita”

“Lo sguardo della regista mi ha fatto intuire che la Matematica è una materia viva, che può ancora sorprendere”. Quattro chiacchiere con Anastasia Plazzotta, founder e CEO di Wanted Cinema

 

 

Torna Nove volte sette, la nostra serie podcast realizzata in collaborazione con Dopolavoro Matematico, questa volta con un episodio speciale: un’intervista ad Anastasia Plazzotta, fondatrice e CEO di Wanted Cinema, società di distribuzione cinematografica, che si propone di parlare a un pubblico dal gusto trasversale ed è specializzata in cinema d’essai, arthouse e titoli europei.

La locandina del film “Il teorema di Margherita”

La conversazione tra Davide Del Vecchio, attivista del Dopolavoro Matematico, e Plazzotta ruota attorno al film “Il teorema di Margherita” di Anna Novion, attualmente in programmazione in diverse sale italiane (qui l’elenco completo).

Un accenno di trama, senza spoilerare troppo: il futuro di Margherita, brillante studentessa di Matematica della Scuola Normale Superiore, sembra essere pianificato. Unica donna del suo corso, sta per concludere la tesi che dovrà esporre davanti a una schiera di ricercatori. Quando arriva il grande giorno, però, un errore fa crollare tutte le sue certezze. Margherita decide, quindi, di mollare tutto e ricominciare da capo.

Il film è stato presentato nella sezione Special Screenings al Festival di Cannes 2023 e, per il ruolo di Margherita, la protagonista, Ella Rumpf, si è aggiudicata l’Oscar francese, il César Award 2024, come Miglior rivelazione femminile.

 

 

Ascolta anche il primo episodio di “Nove volte sette”: Di matematiche e altre storie

 

 

Di recente molti film e serie tv stanno usando la Matematica come base attorno alla quale costruire la trama. Nel caso del “teorema di Margherita”, che ruolo riveste? Si tratta di un puro espediente narrativo o ha un ruolo nel far evolvere le caratteristiche della protagonista?

Ce lo spiega la nostra ospite in questa pillola video.

 

 

Quanto alle motivazioni dietro la scelta di distribuire il film, invece, Plazzotta commenta: “Mi piace provocare con la scelta dei titoli”. Poi continua:

“Cerco di trovare argomenti che non siano tradizionali, temi che suscitino dibattiti, che magari prendano spunto da un argomento generale per illuminare delle angolazioni diverse o ribaltare alcuni pregiudizi […]. Questo film ha illuminato una parte di ciò che significa la Matematica, che mi ha molto colpito. Individuavo la Matematica come una sequela di numeri, un mondo statico, fermo, poco creativo, invece lo sguardo della regista mi ha fatto intuire che, in realtà, si tratta di una materia viva, che ancora può sorprendere, appassionare, reinventare, dimostrare. Anzi, mai come oggi, con l’intelligenza artificiale, diventa una materia frizzante e viva. Il film mi ha fatto toccare con mano questo aspetto.”

“Il teorema di Margherita” ha il doppio merito di mostrare che la Matematica può essere appassionante e di consentire l’immedesimazione con la condizione vissuta dalla protagonista.

 

 

Leggi anche: Da Sofia Kovalevskaja a Katherine Johnson, un’installazione co-intesta le vie di Roma alle scienziate

 

 

Nel film, c’è un momento che più di altri rende visivamente il trasporto di Margherita per la materia: “quando cerca di dimostrare la Congettura di Goldbach, si trasforma quasi nella compositrice di un brano, con la parete tappezzata di numeri che ricordano le note musicali”, osserva Plazzotta.

“Il teorema di Margherita” affronta anche il tema della diversità di genere nel mondo accademico attraverso la protagonista.

“Margherita deve sgomitare per affermarsi nel suo ambiente, cosa che avviene in molti ambienti lavorativi a un certo livello. Quando una è ‘troppo brava’ e si fa notare, viene sempre un po’ ostacolata o comunque si trova ad affrontare un ambiente inizialmente ostile e fa il triplo di fatica per imporsi rispetto a un uomo. Questo nel film si vede in modo chiaro, anche se poi chi l’avrà vinta sarà lei, Margherita”.

Per i più curiosi, ecco il trailer del film.

 

Sabrina Colandrea

 

Ascolta anche l’intervista ad Anna Paola Concia: “Ogni donna che rompe un tetto di cristallo lo fa per tutte”

Ospite

Anastasia Plazzotta

Anastasia Plazzotta si è laureata all’università Ca’ Foscari di Venezia in Lingue e Letterature eurasiatiche. In seguito, ha conseguito il master in Tecniche della narrazione presso la Scuola Holden di Torino. Plazzotta ha poi lavorato alla Fandango Libri come caporedattore e alla Fandango Doc, dove ha coordinato la produzione e la distribuzione di documentari. Dal […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

The Matilda Effect e perché ancora oggi non lo abbiamo superato

Ospite: Martina Lascialfari

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Il suo nome è “una parola che uccide”: il messia nella Science Fiction

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Ragazze Digitali contro il pregiudizio

Ospite: Barbara Santi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Cronache italiane del Gender Gap

Ospite: Ilenia Deriu

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Ridaje offre una seconda chance: da senzatetto a giardinieri urbani

Ospite: Lorenzo Di Ciaccio

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Giulia Borgherese

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica è donna nel film di Anna Novion “Il teorema di Margherita”

Ospite: Anastasia Plazzotta

NOVE VOLTE SETTE
con Davide Del Vecchio