TALK ABOUT IT

Le caratteristiche dell’imprenditore 4.0

Nuovo appuntamento con Talk About It, il programma di Radio Activa in collaborazione con la sezione IT di Unindustria. Al timone di questa puntata, eccezionalmente, Paolo Emilio Colombo che indaga insieme ai nostri ospiti le nuove frontiere dell’imprenditoria, i nuovi modelli organizzativi per le aziende e soprattutto le priorità fondamentali per la ripresa dopo la pandemia da Covid-19.

Ospiti della puntata: Marco Massenzi, Amministratore Delegato di Teleconsys SpA, Tonino Tomassi, fondatore e attuale Presidente del Consiglio di Amministrazione di Esatek srl e Gianmarco Bruschi, Digital Innnovation Manager di DBS – Digital Business Strategies. 

 

Ascolta anche: Ripartire dall’AI: soluzioni per le imprese

 

La sfida della digitalizzazione richiede importanti modifiche organizzative e culturali prima ancora che tecnologiche. Sarà questo uno degli interventi prioritari da mettere in campo nell’ambito del Recovery Plan, la cui bozza dovrà essere sul tavolo della Commissione EU entro il 30 aprile. La rapidità con la quale si è evoluto il modo di fare impresa negli ultimi mesi non ammette sconti né ritardi. “L’imprenditore 4.0 deve soprattutto avere la capacità di aprirsi all’innovazione” spiega Marco Massenzi “e soprattutto di cogliere la miriade di opportunità che questa offre”.

Perimetri certi, regole chiare, competitività leale. Sono questi gli ingredienti fondamentali della ripresa dopo la pandemia. Ne è convinto anche Tonino Tomassi, secondo cui “L’imprenditore non è spaventato dall’innovazione, tutt’al più ha qualche diffidenza” spiega il fondatore di Esatek, che sottolinea la necessità di una trasformazione graduale, basata soprattutto sull’open innovation ma anche sulla conoscenza del tessuto produttivo del Paese e delle sue esigenze. 

 

Ascolta anche: Il mondo del Cloud. L’Italia verso il progetto Gaia X

 

La pandemia ha sconvolto gli schemi aziendali ribaltato dei paradigmi ormai considerati superati. In questo contesto ad esempio è fondamentale la figura del change manager che, come sottolinea Gianmarco Bruschi ha lo scopo di “proporre idee e soluzioni tecnologiche e non, indispensabili al cambiamento dell’azienda e della sua gestione, considerando anche gli aspetti strettamente emotivi dell’azienda in sé, dei dipendenti e dell’imprenditore stesso”.

Se vuoi conoscere le soluzioni e le proposte concrete di questi imprenditori, mettiti comodo e ascolta il podcast cliccando sul link in basso!

 

 



Luisa Amen

Ospite

Marco Massenzi

55 anni, ingegnere elettronico, è Amministratore Delegato di Teleconsys SpA, PMI Innovativa la cui missione è supportare le organizzazioni pubbliche e private nel loro viaggio di scoperta, adozione ed evoluzione digitale. È stato Chief Innovation Officer del Gruppo Gala, direttore della Business Unit Government & Industry e del Centro Ricerca e Sviluppo di Vitrociset, responsabile […]

Gianmarco Bruschi

Appassionato da sempre di informatica e delle nuove tendenze digitali, ha negli anni visto tutte le nuove evoluzioni del mondo digital. Una umile e forte passione nell’educare al digitale nuove e vecchie generazioni, supportando dalla A alla Z il progetto innovativo di trasformazione digitale per micro, piccole e medie aziende. Imprenditore e professionista, si occupa […]

Tonino Tomassi

Tonino TOMASSI è fondatore e attuale Presidente del Consiglio di Amministrazione di Esatek srl. Frequenta la facoltà di Ingegneria Elettronica con indirizzo Automatica presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, interrompendo gli studi al quarto anno. Le conoscenze acquisite nel corso di studi gli consentono di maturare esperienze professionali all’interno di multinazionali operanti nel […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Trasformazione digitale

Divario di genere nel settore ICT, tra stereotipi, cambi di rotta e impegno aziendale

Ospite: Cristina Zucchetti

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

C.S.I. Customer Success Italia
People

Guida al successo del cliente: il Customer Success come valore aggiunto

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

insurtech
Open Innovation

Verso la creazione di un ecosistema insurtech. Il punto su Vittoria hub

Ospite: Gian Franco Baldinotti, Riccardo de Bernardinis, Matteo Campaner

L'INCREDIBILE HUB
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Fleder è una piattaforma che ti permette di effettuare le analisi mediche comodamente a casa. Intervista all'infermiere e founder, Andrea Timolina
Health

Fleder, alla scoperta del primo ospedale digitale in Italia

Ospite: Andrea Timolina

SMASH
con Francesca Ponchielli

PODCAST

Cultura e Società

LILIA GIUGNI (University College London): La rete non ci salverà. Violenza digitale di genere e discriminazioni algoritmiche

Ospite: Lilia Giugni

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci