LEGALTECH SHOW

Legal e Tech: chi detta le regole in Italia?

Intervista a Giuseppe Vaciago e Valerio Vertua

 

Il trend nel 2017-2018 si attestava intorno ai 6 miliardi di investimenti negli Stati Uniti per il settore Legaltech.  A che punto siamo in Italia? E come si sta sviluppando questo settore rispetto al panorama internazionale? Quanto sta cambiando la professione?

Quando si parla di investimenti in Italia, i nostri numeri si aggirano intorno ai milioni di euro, non miliardi come in altre realtà – ad esempio quelle americana, inglese o israeliana. In queste nazioni, soprattutto negli USA, c’è stata una capacità di investimento che nel Bel Paese non è stata proprio colta.

 

Ascolta anche: Legaltech: un affare (non) per pochi

 

Eppure in Italia vi sono 240mila avvocati (il triplo rispetto alla Francia). Abbiamo tantissimi studi, tuttavia con capacità di spesa minore rispetto ad altri paesi, e quindi è un mercato completamente diverso ma che dobbiamo valorizzare; finora c’è stata una grande difficoltà di intercettare investitori sui progetti di startup innovative, abbiamo fatto passi avanti ma c’è ancora un gap molto importante. Se riusciamo a intercettare questo mercato con dei prodotti diversi il settore del legaltech può evolversi, in un’ottica di sviluppo di conoscenze e competenze digitali.

Tutto il nostro mercato deve essere necessariamente più inclusivo e aprirsi, espandersi e dare la possibilità di capire a tutti gli sviluppatori che anche questo settore è ricco: solo così si potranno avvicinare nuovi e più importanti investimenti. L’innovazione porta investimenti; e gli investimenti portano altra innovazione.

 

Ascolta anche: Quando la Creatività incontra il settore Legale

 

Pur essendo un tema centrale, non è l’unico aspetto da considerare. Alla luce di quello che è il cambio di tecnologia e l’ammontare degli investimenti, quanto è importante, invece, l’aspetto etico in questa disciplina? Che tipo di approccio deve sottendere al nuovo modo di intendere e fare questa professione? La tecnologia in questo settore non deve essere intesa solo come un “aiuto”, ma deve anche essere un modo per creare spazi diversi nel Diritto, per un civile benessere all’interno di una nazione.

Per rispondere a tutte queste domande Silvano Donato Lorusso e Nicolino Gentile di BLB Studio Legale e LegaltechItalia in questa nuovissima puntata di Legaltech Show hanno intervistato Giuseppe Vaciago e Valerio Vertua, avvocati entrambi Partner 42 Law Firm. E vi lasciamo con una piccola provocazione prima di ascoltare il podcast:  chi deve dettare le regole nel settore Legaltech? Il Tech o il Legal?

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Trasformazione digitale

Divario di genere nel settore ICT, tra stereotipi, cambi di rotta e impegno aziendale

Ospite: Cristina Zucchetti

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

C.S.I. Customer Success Italia
People

Guida al successo del cliente: il Customer Success come valore aggiunto

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

insurtech
Open Innovation

Verso la creazione di un ecosistema insurtech. Il punto su Vittoria hub

Ospite: Gian Franco Baldinotti, Riccardo de Bernardinis, Matteo Campaner

L'INCREDIBILE HUB
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Fleder è una piattaforma che ti permette di effettuare le analisi mediche comodamente a casa. Intervista all'infermiere e founder, Andrea Timolina
Health

Fleder, alla scoperta del primo ospedale digitale in Italia

Ospite: Andrea Timolina

SMASH
con Francesca Ponchielli