Roma unita per l’Iran

Nella Capitale la manifestazione della comunità iraniana per protestare unitariamente contro il regime degli Ayatollah

 

 

Ieri, 8 gennaio, la comunità iraniana ha tenuto una manifestazione a Roma per protestare contro le violenze perpetrate dal regime degli ultimi mesi. Il nutrito corteo è partito da piazza della Repubblica e ha raggiunto piazza di Santa Maria in Loreto, nei pressi di piazza Venezia. Lo scopo della comunità iraniana che risiede in Italia è chiaro e deciso: richiamare l’attenzione sulla politica internazionale affinché l’Iran fermi gli arresti e le violazioni dei diritti umani.

Le azioni delle persone, nel 2023, possono ancora cambiare le cose? Oltre gli hashtag, i social e le campagne di sensibilizzazione nel mondo digitale, la comunicazione urlata funziona ancora?

La prima legge della comunicazione è che bisogna essere in due per osservarla. Le voci per le strade erano tante, vedremo se saranno ascoltate.

 

 

Segui l’approfondimento delle vicende in Iran: La cronistoria delle prime settimane di protesta

 

 

Non solo Iran. Infatti, alla manifestazione erano presenti molte bandiere ucraine che sfilavano fianco a fianco a quelle iraniane. Si sono viste anche tante bandiere della Dinastia Pahlavi, che regnò sull’Iran dal 1925 al 1979. La Rivoluzione iraniana alla fine degli anni settanta depose l’ultimo scià Pahlavi, Mohammad Reza, mettendo fine alla millenaria tradizione monarchica del Paese e proclamando la Repubblica Islamica. Eppure, ieri a Roma, c’erano anche queste bandiere. Una nuova forza reazionaria sta prendendo vigore? 

Gli slogan più presenti erano: “Giustizia per l’Iran”, “Libertà per l’Iran” e “Donna, vita, libertà”. Specchio di un popolo che sembra guardare agli albori della democrazia occidentale prima che questa perdesse di profondità e significato.

L’Occidente come dovrebbe essere o, meglio, come a volte fa finta di essere.

 

 

Leggi anche: VPN e app crittografate per le rivolte in Iran, ma potrebbero non bastare

 

 

Un corteo oltre il corteo.

Oltre alla manifestazione principale citata in precedenza, ovvero quella partita da piazza della Repubblica, c’è stato un altro presidio alle ore 12.00 in via Nomentana, di fronte all’Ambasciata iraniana.

Lo scopo di questo secondo focolaio è stato soprattutto quello di far sentire le proteste direttamente in Iran. Meno sensibilizzazione e più messaggio politico. Gli slogan a risuonare in questo caso sono stati: “Stanno uccidendo i nostri ragazzi giorno per giorno”, “No alla dittatura”, “Non ci fermeremo, uniti vinceremo” e “Liberate i prigionieri politici”.

Questi fuochi basteranno ad accendere la luce in un momento storico così cupo?

 

 

Di seguito alcune immagini delle proteste dalla nostra Samaneh Abbasi:

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Sostenibilità

Energie al femminile: donne alla guida della rivoluzione green e digitale con Pika Energy

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci