Roma unita per l’Iran

Nella Capitale la manifestazione della comunità iraniana per protestare unitariamente contro il regime degli Ayatollah

 

 

Ieri, 8 gennaio, la comunità iraniana ha tenuto una manifestazione a Roma per protestare contro le violenze perpetrate dal regime degli ultimi mesi. Il nutrito corteo è partito da piazza della Repubblica e ha raggiunto piazza di Santa Maria in Loreto, nei pressi di piazza Venezia. Lo scopo della comunità iraniana che risiede in Italia è chiaro e deciso: richiamare l’attenzione sulla politica internazionale affinché l’Iran fermi gli arresti e le violazioni dei diritti umani.

Le azioni delle persone, nel 2023, possono ancora cambiare le cose? Oltre gli hashtag, i social e le campagne di sensibilizzazione nel mondo digitale, la comunicazione urlata funziona ancora?

La prima legge della comunicazione è che bisogna essere in due per osservarla. Le voci per le strade erano tante, vedremo se saranno ascoltate.

 

 

Segui l’approfondimento delle vicende in Iran: La cronistoria delle prime settimane di protesta

 

 

Non solo Iran. Infatti, alla manifestazione erano presenti molte bandiere ucraine che sfilavano fianco a fianco a quelle iraniane. Si sono viste anche tante bandiere della Dinastia Pahlavi, che regnò sull’Iran dal 1925 al 1979. La Rivoluzione iraniana alla fine degli anni settanta depose l’ultimo scià Pahlavi, Mohammad Reza, mettendo fine alla millenaria tradizione monarchica del Paese e proclamando la Repubblica Islamica. Eppure, ieri a Roma, c’erano anche queste bandiere. Una nuova forza reazionaria sta prendendo vigore? 

Gli slogan più presenti erano: “Giustizia per l’Iran”, “Libertà per l’Iran” e “Donna, vita, libertà”. Specchio di un popolo che sembra guardare agli albori della democrazia occidentale prima che questa perdesse di profondità e significato.

L’Occidente come dovrebbe essere o, meglio, come a volte fa finta di essere.

 

 

Leggi anche: VPN e app crittografate per le rivolte in Iran, ma potrebbero non bastare

 

 

Un corteo oltre il corteo.

Oltre alla manifestazione principale citata in precedenza, ovvero quella partita da piazza della Repubblica, c’è stato un altro presidio alle ore 12.00 in via Nomentana, di fronte all’Ambasciata iraniana.

Lo scopo di questo secondo focolaio è stato soprattutto quello di far sentire le proteste direttamente in Iran. Meno sensibilizzazione e più messaggio politico. Gli slogan a risuonare in questo caso sono stati: “Stanno uccidendo i nostri ragazzi giorno per giorno”, “No alla dittatura”, “Non ci fermeremo, uniti vinceremo” e “Liberate i prigionieri politici”.

Questi fuochi basteranno ad accendere la luce in un momento storico così cupo?

 

 

Di seguito alcune immagini delle proteste dalla nostra Samaneh Abbasi:

Francesca Ponchielli

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci