WeDigital 2023: una seconda edizione ricca di ospiti

Un viaggio collettivo nel futuro dell’innovazione digitale

 

 

Bolzano, 27 settembre 2023. Ieri si è svolto un appuntamento straordinario per gli appassionati di marketing e innovazione digitale, grazie all’entusiasmante evento WeDigital, organizzato da Würth Italia e tenutosi al NOI Techpark di Bolzano, giunto quest’anno alla sua seconda edizione. La giornata è stata un vero e proprio caleidoscopio di idee e ispirazioni, destinate a colorare il percorso di chiunque voglia restare al passo con le ultime tendenze del settore.

Vediamo insieme gli ospiti e i momenti salienti.

 

 

Leggi anche Siete perennemente in videocall? Attenzione all’AI: occhio a cosa digitate!

 

 

WeDigital: gli ospiti

 

WeDigital 2023 ha riunito un distinto gruppo di ospiti, ognuno dei quali ha portato la propria esperienza e l’entusiasmo per contribuire al successo dell’evento. Vediamone insieme alcuni.

Truckscreenia, il connubio tra digitale e fisico

Christian Furtschegger, uno dei cofondatori di Truckscreenia, ha affascinato il pubblico con la sua esplorazione del “Phygital Marketing,” dove il mondo digitale e quello fisico si abbracciano. Eh già, perché nel 2023 “non si può più immaginare un futuro fatto solo di uno dei due mondi”. Un viaggio attraverso l’Innovazione, la comunicazione, l’intelligenza artificiale e la sostenibilità che sta aprendo nuovi orizzonti nel marketing del futuro.

 

 

LinkedIn, alla scoperta del fascino del Key Account Management

Marco Baldassarre, Enterprise Account Director di LinkedIn, ha condiviso preziose intuizioni sul mondo del Key Account Management e sulle strategie di gestione delle risorse umane. La sua presentazione ha messo in luce l’importanza cruciale di LinkedIn nel mondo degli affari e nella gestione delle persone.

Google, la Customer Journey non è una linea retta

Gli speaker Federico Grasso e Vincenzo Barbaro, Mid Market Industry Managers di Google, hanno parlato di come il processo d’acquisto online sia un percorso tortuoso e affascinante, e di come Google stia ridefinendo l’omnicanalità.

Sappiamo davvero cosa voglia dire omnicanalità?

“L’omnicanalità rappresenta un approccio strategico al marketing e alla distribuzione che mira a offrire un’esperienza coerente e fluida ai clienti su tutti i canali di interazione disponibili, sia online che offline. Questo significa che le aziende cercano di integrare perfettamente l’esperienza dell’utente tra i diversi touchpoint, come siti web, app, punti vendita fisici, social e molto altro. Questa coerenza e continuità nell’esperienza del cliente contribuiscono a migliorare la soddisfazione del cliente e a rafforzare il legame tra l’azienda e il suo pubblico. Nel contesto dell’innovazione digitale, l’omnicanalità diventa cruciale per adattarsi alle crescenti aspettative dei consumatori e per garantire che le aziende possano restare competitive in un ambiente sempre più multicanale.”

Proprio in questa ottica non monocanale si è inserito uno dei discorsi più interessanti di tutto l’evento. Quello di Federico Quercia, Social Media Ads Specialist di Würth Italia, che ha raccontato l’entusiasmante viaggio della “Digital Customer Acquisition” dimostrando come sia possibile trasformare un potenziale cliente dallo stato di totale ignoto a cliente acquisito con un solo clic.

“La Digital Customer Acquisition è un elemento cruciale per la crescita aziendale nel mondo digitale, in quanto consente alle imprese di ampliare la propria base clienti in modo efficiente e misurabile, raggiungendo un pubblico più vasto e profilato attraverso le piattaforme digitali. Questo processo richiede una pianificazione accurata, un monitoraggio costante delle metriche di performance e la capacità di adattarsi alle tendenze in evoluzione nel marketing digitale per mantenere un vantaggio competitivo.”

 

 

Leggi anche: Il New York Times minaccia un’azione legale contro OpenAI

 

 

Il potere dell’AI, oggi

L’intelligenza artificiale ha poi rappresentato uno dei temi centrali all’evento WeDigital 2023, con un ruolo di crescente rilevanza nei settori della pubblicità online e del marketing sui social media.

Mattia Cortelli, Senior Client Solutions Manager di Microsoft, ha evidenziato l’importante contributo dell’AI nel presente e nel futuro di Microsoft Advertising: “L’AI sta rivoluzionando il modo in cui vengono gestite e ottimizzate le campagne pubblicitarie online, consentendo una maggiore personalizzazione e una migliore comprensione del comportamento dei consumatori“.

Inoltre, Luca Ceruti, Account Manager di Meta, ha sottolineato il potere dell’intelligenza artificiale nel plasmare il futuro del marketing sui social media, concentrandosi in particolare su Instagram. La sua presentazione ha dimostrato come “l’AI sia al centro delle strategie di targeting e personalizzazione delle pubblicità su questa piattaforma, migliorando l’efficacia delle campagne promozionali e offrendo un’esperienza più coinvolgente agli utenti”.

L’intelligenza artificiale sta chiaramente emergendo come una forza trainante nel mondo del marketing e della pubblicità digitale, promettendo di migliorare l’efficacia delle campagne, ottimizzare il targeting dei consumatori e consentire una maggiore personalizzazione, elementi chiave per il successo delle aziende in un ambiente digitale in continua evoluzione.

Insomma, questo 2023 è al trimestre finale, eppure la moda AI non accenna a fermarsi. Siamo certi che di “moda” non si possa più parlare.

 

Leggi anche: ChatGPT, Vall-E & Co. L’AI generativa fa impazzire gli investitori

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci