Siete perennemente in videocall? Attenzione all’AI: occhio a cosa digitate!

Un team di ricercatori ha “addestrato” un software AI a riconoscere lettere, numeri e simboli della tastiera partendo dal suono emesso dai tasti quando vengono pigiati, per esempio durante le videocall. Le nostre password sono a rischio?

 

 

Pensavate di essere al sicuro con le vostre password inzeppate di numeri, maiuscole e caratteri speciali? Beh, potrebbero non bastare più.

Uno studio dell’Università del Surrey, pubblicato nell’ambito dell’IEEE European Symposium on Security and Privacy Workshops, ha dimostrato, infatti, che l’AI è capace di decodificare parole e stringhe di testo grazie al suono emesso dai… tasti del pc!

In un esperimento, l’algoritmo messo a punto dal team guidato dal dottor Ehsan Toreini, è stato in grado di identificare – con oltre il 90% di accuratezza – quali tasti venivano pigiati su un laptop in base al suono proveniente dal microfono del dispositivo. Il tutto durante una comune videochiamata su Zoom.

 

 

Leggi anche: Intelligenza artificiale o truffa? Perché l’AI Washing è sempre più diffuso

 

 

Nello specifico, i ricercatori hanno preliminarmente premuto – e registrato con uno smartphone – ciascuno dei 36 tasti di un MacBook Pro, comprese tutte le lettere e i numeri, 25 volte di seguito, utilizzando dita diverse e con una pressione variabile.

I dati sono stati poi analizzati da un software di Machine Learning che, gradualmente, ha imparato a riconoscere le caratteristiche dei segnali acustici associati a ciascun tasto

Tanto è bastato affinché, nei test seguenti, l’algoritmo fosse in grado di riconoscere la lettera, il numero o il simbolo corrispondente al suono emesso dalla tastiera nel 95% delle chiamate telefoniche e nel 93% delle videocall su Zoom.

 

 

Leggi anche: Il New York Times minaccia un’azione legale contro OpenAI

 

 

Nonostante gli autori dello studio abbiano sottolineato che si tratta di un semplice esperimento e che la capacità dell’AI di decifrare correttamente stringhe complesse di testo (come password ben più articolate delle intramontabili “12345”, “ciao” e “password”) sia ancora da dimostrare, la ricerca fa suonare più di un campanello di allarme

Specie per chi usa il laptop in luoghi pubblici e per chi è costantemente impegnato in interminabili videochiamate.

Potrebbero interessarti

PODCAST

Open Innovation

Test before invest, ovvero il modello di Venture Client di ELIS Innovation Hub

Ospite: Francesco Parrano

SMASH
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

Umanesimo manageriale nell’era digitale

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica in Asimov e nel mondo contemporaneo

NOVE VOLTE SETTE
con Cecilia Fronza

PODCAST

Blockchain

Tutto sulla blockchain. Intervista a Jules Piccotti

Ospite: Jules Piccotti

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Community Care

Profit + purpose = ? La formula dell’azienda ideale declinata nei progetti di Social Impact del WMF

THE GOOD BUSINESS
con Sabrina Colandrea

PODCAST

People

Quale sarà il futuro del Customer Success?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca