OLL IN

L’economia civile, un paradigma italiano

L’economia civile è un paradigma italiano, nato nel 1753, che si caratterizza per perseguire lo sviluppo e non la crescita, basato su un modello a 4 mani: istituzioni, mercato, persone e imprese. L’emergenza sanitaria che il nostro paese sta attraversando e l’opportunità del Next Generation EU, possono rivelarsi una spinta importante verso nuovi modelli economici più sostenibili e soprattutto, verso il superamento delle diseguaglianze.

Lelio Borgherese ha intervistato a Oll in, il Prof. Leonardo Becchetti ordinario di economia politica all’Università di Roma Tor Vergata. I suoi principali temi di ricerca riguardano la finanza etica, il microcredito, la responsabilità sociale di impresa ed il commercio equo e solidale.

 

Ascolta anche: Lezioni cinesi per la ripresa, il punto sulla politica economica

Mai come in questo momento sembrano esserci le condizioni di contesto per intraprendere il salto di paradigma e andare verso ciò che si definisce economia generativa.  L’Europa ha accettato di fare debito comune, le imprese cercano di modelli di coinnovazione e di business basati sui concetti di platfirm,i cittadini cominciano a rendersi conto che non può esistere sicurezza individuale senza la messa in sicurezza dell’intera comunità. Ecco dunque, uno dei paradigmi di economia circolare a cui ambire: un sistema che metta al centro la persona, accompagni le nuove generazioni e tuteli l’ambiente.

Appianare le diseguaglianze e aumentare l’inclusione, sono questi gli obiettivi da perseguire per il rilancio del nostro paese e dell’Europa. “Bisogna lavorare sulle diseguaglianze di opportunità: salute, istruzione e accesso alla rete– spiega il Prof. Becchetti – Io però aggiungerei un altro punto: la diseguaglianza rispetto all’inquinamento.

 

 

Ospite

Leonardo Becchetti

Ordinario di Economia Politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Roma “Tor Vergata”. Ha conseguito il Master of Science, in Economics presso la London School of Economics e il Dottorato alle Università di Oxford e di Roma La Sapienza. Ha pubblicato circa 500 lavori tra articoli su riviste internazionali e nazionali, volumi, contributi a volumi, quaderni di ricerca. E' stato membro del consiglio di presidenza della Società Italiana degli Economisti, membro del Comitato Esecutivo di Econometica (consorzio universitario per gli studi sulla responsabilità sociale d’impresa), di AICCON, presidente del Comitato Etico di Banca Etica dal 2005 al 2014 e ora presidente del Comitato Etico di Etica sgr, della CVX-Italia e della LMS. E’ direttore del sito www.benecomune.net e curatore di un blog su www.repubblica.it. Editorialista di Avvenire, membro del comitato scientifico del Corriere della Sera Buone Notizie, consigliere economico e coordinatore del gruppo di studio su economia sostenibile del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Coordinatore della formazione quadri terzo settore FQTS Membro della commissione per la redazione delle linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole italiane istituita dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca 2019-21 Membro della Commissione Internazionale Science and Ethics for Happiness istituita dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali Dal 2017 Professorial Research Associate at SOAS, University of London, School of Finance and Management

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore