Coinbar porta le criptovalute nell’Economia reale

Coinbar ha sviluppato il primo exchange italiano regolamentato in cui depositare e prelevare criptovalute, con sede fisica e tecnologia proprietaria. Abbiamo incontrato il CEO, Antonello Cugusi, negli spazi del bar-bistrot di via Barberini 34, a Roma

 

 

Antonello Cugusi si racconta a Radio Activa Plus

Fondata a Roma nel 2019 da Antonello Cugusi insieme a un gruppo di giovani imprenditori, Coinbar SpA ha sviluppato il primo exchange italiano regolamentato in cui depositare e prelevare criptovalute, con una sede fisica (il bar-bistrot Coinbar appunto) e la tecnologia proprietaria Coinbar Pay.

In via Barberini 34, a Roma, abbiamo incontrato il CEO dell’azienda, Antonello Cugusi, che ci ha spiegato in che modo sta realizzando l’ambizioso intento di portare le criptovalute nell’Economia reale.

Innanzitutto, però, qualche numero che dà la misura del fenomeno in Italia: stando a dati ufficiali diffusi dall’OAM, ci sono più di un milione di possessori di criptomonete, che hanno transato nel primo trimestre più di un miliardo di euro di controvalore.

Venendo alla storia dell’azienda, in un primo momento è nato il format del bar-bistrot Coinbar, che dà la possibilità a chiunque di conoscere e utilizzare le valute virtuali, ricevendo assistenza diretta in un ambiente informale. Con le parole di Cugusi:

“Coinbar nasce come un exchange di criptovalute con cambio in euro, come tante piattaforme internazionali, ma con focus sul mercato italiano. In fase di creazione di questa startup abbiamo cercato un modo per collegare un mondo lontano dalle abitudini degli utenti, virtuale, con quello che vivevano tutti i giorni, per far capire loro che le criptovalute e la blockchain non sono qualcosa di totalmente astratto, ma qualcosa che è possibile provare a utilizzare tutti i giorni; da lì l’idea di aprire un bar, dove consumare come in un’attività tradizionale, ma dove fosse possibile non solo pagare in criptovalute, ma anche capire le adozioni della tecnologia, poter parlare con esperti, partecipare a corsi di formazione e meetup con la comunità crypto italiana”.

 

 

Ascolta anche Disintermedium, la nostra serie podcast che mette a fuoco i cambiamenti tecnologici in atto e propone strategie per attuare nuovi modelli di business nel mercato globale digitale

 

 

Nell’ultimo anno, poi, l’intuizione di focalizzarsi su una soluzione di pagamento in criptomonete, nata dal rilevamento di due esigenze delle aziende: quella di prestare attenzione all’Innovazione e quella di dotarsi di un nuovo gateway di pagamento per intercettare il nuovo pubblico, che abbiamo appurato essere sostanzioso. “Grazie all’esperienza acquisita con il Coinbar fisico – ha spiegato Cugusi – abbiamo sviluppato un’app che consente di ricevere pagamenti in criptovalute e riscuotere immediatamente il corrispettivo in euro; per i merchant non c’è, quindi, la necessità di capire come utilizzare un wallet, detenere criptomonete o gestire la volatilità del cambio”.

Coinbar Pay abilita il mondo retail al pagamento in criptomonete in sicurezza e trasparenza. Gioiellerie Liguori, Chili TV, Nuvolari e Doppelgänger sono alcune delle realtà che hanno deciso di abbracciare la visione di Coinbar attivando all’interno dei loro store il nuovo sistema di pagamento.

Anche per il cliente è semplice usare l’app: giunto nel punto vendita fisico, chi decide di utilizzare il metodo di pagamento crypto non deve far altro che comunicarlo in cassa, inquadrare, tramite smartphone, il QR code che gli sarà mostrato dall’addetto vendita e autorizzare la transazione. Se il cliente dispone di un Coinbar Wallet, può utilizzare le criptomonete presenti nell’exchange; se, invece, utilizza un proprio wallet, potrà completare l’acquisto con Bitcoin, Ripple, DigitalBits e Usdt. I clienti possono effettuare transazioni sia tramite wallet privato che, senza fee di transazione, tramite un account Coinbar.

Solo vantaggi, quindi? Non è raro leggere o sentir parlare di rischi associati al trading di criptovalute. Prendendo in prestito le parole di Rory Mir, dirigente della Electronic Frontier Foundation, che si esprimeva sul declino di Reddit, eppure calzanti: “Qualsiasi piano che preveda una crescita continua e infinita è destinato a scontrarsi con problemi di scala. Non si può gonfiare il pallone per sempre: prima o poi scoppierà”.

A Cugusi, che si è avvicinato al mondo delle criptovalute nel 2015, costruendo – con Ethereum e Bitcoin – una mining farm alimentata da energia fotovoltaica, abbiamo chiesto di rispondere a chi sostiene che Bitcoin, che si basa su un whitepaper di appena nove pagine, è nata per essere superata. C’è chi vede nell’halving l’evidenza di un modello di business insostenibile. Una delle caratteristiche essenziali di Bitcoin, infatti, è che le monete sono contate: cosa succederà una volta estratti i 21 milioni di monete disponibili?

Con il CEO di Coinbar SpA, che è anche docente della Blockchain Management School, abbiamo anche parlato della necessità di favorire la comprensione del mondo blockchain e crypto attraverso la divulgazione.

Un passaggio importante nella direzione dell’avvicinamento di un pubblico sempre più vasto alla tecnologia blockchain, poi, potrebbe risiedere nell’adozione di un linguaggio meno settoriale. La pagina Instagram Coinbar.spa sta svolgendo un’attività di alfabetizzazione degli utenti attraverso post che spiegano lo slang specifico, come nell’esempio che segue.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 𝗖𝗢𝗜𝗡𝗕𝗔𝗥 (@coinbar.spa)

 

Quali sono i progetti futuri di Coinbar SpA? Come saranno implementate le partnership con il mondo retail? Per saperne di più non vi resta che ascoltare l’intervista.

 

Ascolta anche la nostra serie podcast Cryptovalues, che approfondisce la tecnologia blockchain tra aspetti tecnici, normative e Use Case

Sabrina Colandrea

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci