Earth Technology Expo 2023: in mostra le transizioni ecologica e digitale per salvare il pianeta

Dal 15 al 18 novembre alla Fortezza da Basso di Firenze torna la Expo delle idee. Progetti, tecnologie, investimenti e infrastrutture green per le transizioni ecologica e digitale

 

 

Proporre soluzioni da mettere al servizio della prevenzione, per evitare i disastri naturali che sempre più spesso colpiscono la Terra e per affrontare la grande sfida climatica della transizione ecologica e digitale. Sono questi gli obiettivi – portati avanti grazie alla straordinaria capacità italiana di creare, innovare e produrre tecnologie all’avanguardia – di Earth Technology Expo, la manifestazione dedicata alle idee, ai progetti, agli investimenti e alle infrastrutture green per l’adattamento climatico, l’acqua, il territorio, le aree urbane e la difesa dell’Italia dai grandi rischi naturali, che si terrà alla Fortezza da Basso di Firenze dal 15 al 18 novembre 2023.

Promossa, tra gli altri, da EWA – Fondazione Earth and Water Agenda, Protezione Civile, Ispra/SNPA, Corpo Nazionale Vigili del Fuoco e ANBI, Earth Technology Expo vedrà la partecipazione di circa 200 tra scienziati, rappresentanti delle istituzioni, tecnici specializzati, ricercatori, esperti, operatori sul campo.

In programma 100 incontri sui problemi e sulle strategie per mitigare i rischi climatici così da aumentare la conoscenza e la coscienza dei pericoli incombenti, oltre ad attivare le difese e le auto-difese contro eventi meteoclimatici sempre più estremi come incendi, terremoti, frane, alluvioni, ondate di calore sempre più premature e persistenti e rischi vulcanici come quelli rappresentati oggi dai fenomeni in corso nei Campi Flegrei.

 

 

Satelliti, sensori, droni, intelligenza artificiale, modelli climatici frutto della ricca produzione scientifica italiana, saranno al centro di incontri, dibattiti, workshop e presentazioni durante le quattro giornate a ingresso gratuito. Gli incontri daranno a tutti la possibilità di conoscere e informarsi con gli operatori della Protezione Civile, Anci, Università, Ispra, Agenzia Spaziale Italiana, Cnr, Enea, Anbi, Crea e tanti altri soggetti.

 

 

Leggi anche ROM-E: un futuro green è possibile

 

 

Il programma di Earth Technology Expo

Protagonista come sempre la Protezione Civile che dedicherà la sua presenza alla presentazione in anteprima di IT-Alert, il sistema nazionale di allarme pubblico, e allo sviluppo della campagna “Io non rischio”.

 

 

Allo sviluppo delle tecnologie alleate nelle attività di riduzione, informazione e gestione dei rischi verrà dedicato il convegno in programma il 16 novembre, alla presenza, tra gli altri, del Capo Dipartimento Fabrizio Curcio, dell’ex Prefetto di Firenze e Capo Dipartimento Nazionale dei Vigili del Fuoco Laura Lega, del Presidente ANCI Toscana Matteo Biffoni, nel corso del quale sarà presentato il primo format con intelligenza artificiale per la gestione dei piani comunali di Protezione Civile.

 

 

Leggi anche: Apple a colloquio con Madre Natura

 

 

Tra le novità di questa edizione la mostra “Looking Beyond – Guardare oltre” a cura di Filippo Maggia, frutto della collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Agenzia Spaziale Italiana e Telespazio S.p.A./e-GEOS, sulle tecnologie satellitari per l’osservazione della Terra e la tutela del patrimonio naturale e culturale.

Oltre a ciò, tanti momenti di approfondimento con gli atelier tecnologici dedicati a dissalazione, geotermia, gestione idrica, agricoltura, Smart City.

 

 

Earth Technology Expo avrà come anteprima il 14 novembre nel Salone dei Cinquecentodi Palazzo Vecchio la prima giornata della conferenza internazionale “Mare Climaticum Nostrum”, durante la quale verranno presentati la mappa aggiornata dei rischi climatici in corso e previsti nell’area del Mediterraneo e i risultati della Conferenza ONU sull’acqua 2023. In coordimaneto con Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, e con collegamenti con aree dei Paesi mediterranei più a rischio.

La seconda giornata, il 15 novembre, alla Fortezza da Basso, sarà dedicata all’approfondimento di problemi e opportunità del piano di adattamento climatico italiano.

Infine, un ricco programma è dedicato agli studenti di tutte le scuole: oltre 20 incontri per accrescere la propria conoscenza in materia di transizione ecologica e digitale, per esplorare da Firenze lo spazio e conoscere meglio la Terra.

 

Scopri il Museo della Scienza di Roma: è Science Forest di Adat Studio il progetto vincitore

Potrebbero interessarti

PODCAST

Open Innovation

Test before invest, ovvero il modello di Venture Client di ELIS Innovation Hub

Ospite: Francesco Parrano

SMASH
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

Umanesimo manageriale nell’era digitale

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica in Asimov e nel mondo contemporaneo

NOVE VOLTE SETTE
con Cecilia Fronza

PODCAST

Blockchain

Tutto sulla blockchain. Intervista a Jules Piccotti

Ospite: Jules Piccotti

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Community Care

Profit + purpose = ? La formula dell’azienda ideale declinata nei progetti di Social Impact del WMF

SEEDBLE X WMF
con Sabrina Colandrea

PODCAST

People

Quale sarà il futuro del Customer Success?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca