Ecco Aldilapp, l’applicazione per rimanere in contatto con i defunti… in pochi click

Attiva in 62 cimiteri italiani, Aldilapp permette non solo di cercare i defunti o richiedere la pulizia delle tombe, ma anche di accendere ceri virtuali e curare le bacheche di chi non c’è più

 

 

L’innovazione digitale che parte dalla memoria” è lo slogan che campeggia sul sito di Aldilapp, l’app – dal nome oggettivamente geniale – che promette di rivoluzionare il settore dei servizi cimiteriali. Come? Permettendo agli utenti di “onorare i cari defunti e prendersi cura delle strutture che li accolgono attraverso una rete di servizi collegati. Per restare vicini, anche se distanti”.

Ideata dall’imprenditore abruzzese Enrico Massi, Aldilapp è un’applicazione scaricabile gratuitamente dagli store online e utilizzata per censire e rendere virtualmente omaggio a migliaia di defunti in tutta Italia.

La piattaforma offre sia servizi che potremmo definire “terreni”, come la ricerca delle tombe, la richiesta di pulizia delle lapidi e la consegna di fiori, sia operazioni in un mondo a cavallo tra il virtuale e il metafisico. Tra questi la creazione e mantenimento del profilo di un caro estinto, con tanto di photogallery, biografia e bacheca per le frasi commemorative; oppure l’accensione di un cero virtuale della durata di 24 ore.

Secondo Massi, la necessità di un’app simile si lega al fatto che sono sempre di più i giovani che si allontanano dai cimiteri fisici o si spostano dai luoghi di origine. Ebbene, grazie ad Aldilapp, “potranno mantenere una connessione con i loro cari defunti”. 

 

 

Leggi anche: Ecco Theta Noir, la setta che venera l’AI

 

 

Attualmente, l’app è attiva in 62 cimiteri in Italia, ma l’ambizioso obiettivo di Massi è raggiungere il migliaio entro l’anno. La strada è lunga ma l’espansione è cominciata, considerando che, al momento, Aldilapp ha già una presenza consistente nelle Marche, con circa 90mila loculi mappati nei 13 cimiteri di Ancona e della provincia di Ascoli Piceno.

Anche in Puglia, più precisamente a Mesagne, in provincia di Brindisi, l’app ha reso possibile la geolocalizzazione dei 18mila defunti grazie alla collaborazione con il Comune (qui il servizio della RAI). Un’iniziativa apprezzata dalla comunità locale considerando gli oltre 1.200 download in poche ore.

A dirla tutta, non è la prima volta che si tenta di trasferire l’aldilà nel mondo digitale. Già nel 2014, un team di sviluppatori italiani aveva creato Rip Cemetery, un’app gratuita per smartphone, tablet e PC che consentiva agli utenti di creare il proprio cimitero virtuale

In questa sorta di Metaverso ante litteram, era possibile visitare i propri cari in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo del mondo, lasciare messaggi e inviare mazzi di fiori. L’amministratore del cimitero virtuale aveva il controllo esclusivo sulla personalizzazione della lapide e sulla rimozione di contenuti inappropriati, mentre i semplici utenti erano liberi di accedere alla tomba virtuale e lasciare i propri messaggi di ricordo o cordoglio.

 

Leggi e ascolta anche: VillageCare, prima piattaforma italiana di Care Advisory

Benedetto Antuono

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci