SPECIALE RADIO ACTIVA+

Blockchain, tra formazione e trasformazione digitale

Intervista ad Alecos Colombo

 

In questo nuovo Speciale Radio Activa parliamo di blockchain e formazione. Lo facciamo in compagnia del nostro conduttore Marco Borgherese che ha intervistato Alecos Colombo, Founder e CEO di due progetti Made in Italy ad alto valore imprenditoriale e formativo: AIO Blockchain Lab e MasterZ.

L’ambito blockchain è ancora difficile da cogliere a 360° nelle sue diverse sfaccettature; spesso, l’errore che si commette quando ci si approccia a questa materia è quello di semplificare troppo. Così facendo, si rischia di perdere un elemento fondamentale: la complessa profondità rivoluzionaria dell’argomento. Alecos Colombo infatti afferma:

Non bisogna avere paura di approcciarsi a queste nuove sfide del digitale, si tratta di un percorso di avvicinamento che inizialmente può risultare respingente, ma che può portare a crescere e formarsi.

Un cammino tutt’altro che lineare e in discesa anche per il nostro ospite quindi, e che può servire da esempio per tutti coloro che stanno decidendo se buttarsi o no nella mischia. Una storia che può ispirare.

 

Ascolta anche: Blockchain: tra azienda e consumatori

 

Il progetto manageriale di Alecos Colombo è singolare: dopo una serie di avventure nazionali e internazionali, ha trovato un terreno fertile di sviluppo non a Parigi o Milano, bensì a Parma, Capitale della Cultura Italiana 2020/2021. Più precisamente, la sede operativa di AIO Blockchain Lab si trova all’interno dell’hub Le Village By CA Parma, un aggregatore e acceleratore di startup che sostiene l’innovazione di diverse grandi aziende del territorio.

Grazie proprio a questo contesto collaborativo, AIO è diventata un’eccellenza del nostro Paese, proponendo un modello di business a tre anime complementari. In primis, è una software house verticale in ambito blockchain; poi è presente una sezione di academy rivolta a professionisti, ai quali si offrono workshop focalizzati sul trasferimento di know-how sui digital asset e strumenti spendibili per chi deve prendere decisioni in azienda. Ultima parte, non meno importante, la community che è essenziale e il plus di ogni tecnologia che punta ad affermarsi sul mercato odierno.

 

Ascolta anche: Il ruolo della community

 

Nel 2021 la tematica blockchain può, forse deve, essere affrontata andando oltre il solo concetto di criptovaluta; infatti, questa tecnologia fa parte della macro-famiglia dei token digitali che non vanno considerati solo per il loro utilizzo nei pagamenti, ma che rappresentano anche bond, partecipazioni in aziende, opere d’arte, la nostra identità univoca e che hanno tantissime altre sfere di utilizzo. I campi di applicazione sono potenzialmente infiniti.

Un panorama che dall’esterno può risultare complesso da interiorizzare, ma si tratta di un passaggio quanto mai necessario per muoversi adeguatamente e proficuamente sul mercato. Oggi si percepisce, quindi, più che mai la necessità di capire questa nuova tecnologia, senza andare incontro a semplicistiche banalizzazioni. “Bisogna stare attenti a non dare troppe cose per scontate”, avverte Alecos e continua, “non ci si può improvvisare esperti di Blockchain”.

Proprio per andare incontro alla necessità di conoscenza in questo ambito è nato, soprattutto pensando alla GenerazioneZ, lo spin-off MasterZ. Un corso tutto da scoprire con il nostro intervistato.

Francesca Ponchielli

 

 

Francesca Ponchielli

Ospite

Alecos Colombo

Dal 2017 gestisce +50 progetti Blockchain-based worldwide (Svizzera, UAE, USA e Corea del Sud) come project manager freelance. Dal 2019 è CEO e Founder di AIO Blockchain Lab, software boutique verticale su tecnologia Blockchain e accelerata da ‘’Le Village’’ by Crédit Agricole. Attualmente è relatore in diversi atenei come l’Università degli Studi di Parma dove, […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Trasformazione digitale

Divario di genere nel settore ICT, tra stereotipi, cambi di rotta e impegno aziendale

Ospite: Cristina Zucchetti

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

C.S.I. Customer Success Italia
People

Guida al successo del cliente: il Customer Success come valore aggiunto

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

insurtech
Open Innovation

Verso la creazione di un ecosistema insurtech. Il punto su Vittoria hub

Ospite: Gian Franco Baldinotti, Riccardo de Bernardinis, Matteo Campaner

L'INCREDIBILE HUB
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Fleder è una piattaforma che ti permette di effettuare le analisi mediche comodamente a casa. Intervista all'infermiere e founder, Andrea Timolina
Health

Fleder, alla scoperta del primo ospedale digitale in Italia

Ospite: Andrea Timolina

SMASH
con Francesca Ponchielli

PODCAST

Cultura e Società

LILIA GIUGNI (University College London): La rete non ci salverà. Violenza digitale di genere e discriminazioni algoritmiche

Ospite: Lilia Giugni

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci