EASY TECH

Cosa sono il Deep e il Dark WEB?

L’idea di scrivere questo post mi è venuta leggendo le tristi notizie provenienti da Ho Mobile, l’operatore virtuale di Vodafone coinvolto nello scandalo del furto dei dati anagrafici e tecnici delle sim di milioni di utenti

 

Il database rubato è finito in vendita nel web, o meglio, in una sua zona specifica: il Dark Web. A dirla tutta i dati sono stati rubati dal deep web e sono finiti in vendita nel dark web. Confusi? Spero di no, ma nel caso eccomi qui a spiegare la differenza tra Deep Web e Dark Web! Prima però, se vi va, potete ascoltare le mie esternazioni di vittima. Sì, perchè in quel database di Ho Mobile ci sono anche i miei dati… Purtroppo!

Quello che abitualmente noi vediamo in rete, quello che a noi sembra sterminato e vasto, in realtà è ciò che, utilizzando la metafora di un iceberg, appare in superficie. Conoscendo il modo in cui è fatto l’iceberg sappiamo che “il grosso”, invece, si cela proprio sotto la superficie del mare. Tenetevi forte: circa il 96% del web è nascosto!

 

Deep Web

Il Deep Web è costituito da tutte quelle pagine Internet che i motori di ricerca non indicizzano. Quindi in questo spazio ci sono le intranet aziendali o delle PA, chat, profili social, banche dati (come quella di Ho), forum… Insomma, tutto ciò che è nascosto e al quale si potrebbe accedere con delle credenziali. È possibile anche trovare siti i cui link sono stati de-indicizzati. Ci rendiamo facilmente conto che quindi il deep web non contiene materiale illegale e con quanto appena esposto, possiamo sfatare un luogo comune. Certo, nel deep web possiamo pur sempre incrociare siti discutibili che propongono materiale illegale, superiori per numero a quelli che già esistono nel web di superficie. Ma la maggior parte dei dati non hanno natura illegale.

 

Ascolta anche: Il futuro dei Linked Data e del web semantico

 

Dark Web

Il Dark Web possiamo considerarlo come la superficie inferiore del famoso iceberg menzionato in precedenza e per accedervi è necessario scaricare degli appositi browser come, ad esempio, Tor. Vi sconsiglio vivamente di farlo perchè accedere a questa rete è come fare una passeggiata in una delle peggiori favelas brasiliane. Il dark web ha diverse reti, le darknetla più famosa fra queste è la rete Onion. Un sito appartenetene a questa rete lo si riconosce grazie all’estensione .onion. Se proprio decidete di farci un giretto, lasciate che vi passi qualche consiglio:

  1. Non accedete!
  2. Se lo fate, oscurate la cam (anche con un nastro adesivo) e tenete d’occhio il microfono facendo attenzione che, magicamente, non si attivi;
  3. Non fornite mai i dati personali per nessun motivo al mondo;
  4. Non instaurate amicizie virtuali.

 

All’interno del dark web si trova di tutto. Beni/servizi illegali come le droghe, armi e qualsiasi cosa che abbia a che fare col falso: denaro, identità e persino titoli di studio e documentazioni varie. È possibile incrociare anche materiale pedo pornografico, identità rubate (sempre quelle di Ho Mobile), medicinali di dubbia provenienza, steroidi illegali, filmati particolarmente cruenti che non hanno un lieto fine e banche dati rubate e rivendute. Non dobbiamo aspettarci che i metodi di pagamento di queste attività illecite possano essere bonifici o carte di credito. Generalmente si usano le criptovalute come Bitcoin, LiteCoin, Monero, l’Ethereum… E chi più ne ha, più ne metta. Accanto a delle attività palesemente illegali, è possibile trovare anche movimenti e cospirazioni anti governative.

 

Ascolta anche: Tutto sul bitcoin, un nuovo paradigma culturale

 

Se vi ho incuriosito ascoltate il resto nel mio nuovo podcast. A tra poco!

Francesco Renzo

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ospite

Potrebbero interessarti

PODCAST

Scopriamo Ernesto - Intervista al Founder e CEO Riccardo de Bernardinis
Trasformazione Digitale

Ernesto: più di un semplice tuttofare

START M'UP
con Francesca Ponchielli

PODCAST

pico fondazione cooperativa
People

Il cooperativismo di piattaforma

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

PA: la transizione digitale deve seguire i bisogni del cittadino
Trasformazione Digitale

PA: la transizione digitale deve seguire i bisogni del cittadino

ECOSYSTEM STORIES
con Paolo Emilio Colombo

PODCAST

Cultura e Società

Fare informazione sui social è possibile? Il successo di Factanza suggerisce di sì

Ospite: Livia Viganò

YOUNG TALENT
con Michela Lombardi

PODCAST

Start M'Up Radio Activa - Medicalbox: ogni visita medica a portata di clic
Health

Medicalbox: ogni visita medica a portata di clic

Ospite: Iolanda Nocera

START M'UP
con Sabrina Colandrea

PODCAST

I multiversi: non solo Marvel - Multiverso il nuovo viaggio nel tempo?
Cultura e Società

I multiversi: non solo Marvel

CINETECHA
con Gabriele Barducci