IT'S RAINING BOTS

“Noi, sfruttati a 33 cent l’ora”. Parla Michela Piccione, Cavaliere della Repubblica

Intervista a Michela Piccione, la donna che ha denunciato gli sfruttamenti del Call Center illegale in cui lavorava

 

 

Quando una mattina di dicembre è squillato il telefono, Michela Piccione non poteva credere che all’altro capo della cornetta ci fosse la Segretaria del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A 36 anni, con 18 di precariato alle spalle, Piccione ha denunciato gli sfruttamenti del Call Center illegale in cui lavorava. Oggi è Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica.

In questo episodio di It’s raining bots, ospite di paolo Emilio Colombo, racconta la sua storia.

Il Call Center di Taranto, successivamente chiuso, dopo l’esposto presentato all’Ispettorato del lavoro, era un sottoscala buio di tre stanzette senza riscaldamento. Le operatrici ricevevano paghe al limite della schiavitù arrivando a percepire un minimo di 33 centesimi l’ora e un massimo di 1,18 euro, a fronte della paga oraria di 6,51 euro prevista dal contratto nazionale. Era loro concessa una sola pausa di 15 minuti su 6 ore di lavoro e l’alzarsi dalla propria postazione poteva essere motivo di tagli allo stipendio. “Mettevamo un euro a testa per comprare la carta igienica”, racconta Piccione.

 

 

Ascolta anche gli altri episodi di It’s raining bots, la nostra serie che esplora l’evoluzione del settore BPO

 

 

Non è stato un percorso facile, quello della nostra ospite che, insieme ad altre quattro colleghe, ha sporto denuncia all’Ispettorato e ai sindacati. Per tre anni ha lottato per farsi ascoltare dalle autorità e dagli esponenti politici locali e nazionali. Una delle sue colleghe aveva percepito 90 euro di stipendio nel mese di dicembre: “Ha dovuto spiegare ai suoi figli che Babbo Natale non sarebbe arrivato”.

“Dopo l’onoreficienza ho ricevuto un’offerta di lavoro da parte di Tim con un contratto a tempo indeterminato”, racconta ancora Piccione. “Ho deciso, però, di rinunciare per non sentirmi una privilegiata e per potermi dedicare ai miei figli”. Quel posto Michela avrebbe voluto cederlo a una delle colleghe con le quali aveva denunciato lo sfruttamento del Call Center illegale. “Mi hanno detto che non era possibile”, spiega con rammarico. Adesso proseguirà con il suo lavoro di addetta alla sanificazione dei reparti Covid nell’Ospedale Giannuzzi di Manduria.

Luisa Vittoria Amen 

 

 

Ascolta anche: I Contact Center dopo la pandemia, nuovi scenari per la ripresa

Ospite

Michela Piccione

Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il coraggioso gesto di denuncia delle condizioni di sfruttamento del lavoro giovanile”. Diplomata all’Istituto Tecnico Chimico Biologico, Piccione è madre di due figli. Fino ad oggi non ha mai avuto un contratto a tempo indeterminato. Ha svolto vari lavori prima di arrivare al ruolo di centralinista in […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Cultura e Società

The Matilda Effect e perché ancora oggi non lo abbiamo superato

Ospite: Martina Lascialfari

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Il suo nome è “una parola che uccide”: il messia nella Science Fiction

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Ragazze Digitali contro il pregiudizio

Ospite: Barbara Santi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci