IT'S RAINING BOTS

“Noi, sfruttati a 33 cent l’ora” parla Michela Piccione, Cavaliere della Repubblica

Intervista a Michela Piccione

Quando una mattina di dicembre è squillato il telefono, Michela Piccione non poteva credere che all’altro capo della cornetta ci fosse la segretaria del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

A 36 anni di età e 18 di precariato alle spalle, Michela Piccione ha denunciato gli sfruttamenti del call center illegale in cui lavorava. Oggi è Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica. A It’s Raining Bots, ospite di paolo Emilio Colombo, racconta la sua storia.

Il call center di Taranto, successivamente chiuso dopo l’esposto presentato all’ispettorato del lavoro, era un sottoscala buio in tre stanzette senza riscaldamento. Le operatrici ricevevano paghe al limite della schiavitù arrivando a percepire un minimo di 33 centesimi l’ora e un massimo di 1,18 euro a fronte della paga oraria di 6,51 euro prevista dal Contratto Nazionale. Era concessa una sola pausa di 15 minuti su 6 ore di lavoro e alzarsi dalla propria postazione era motivo di tagli allo stipendio. “Mettevamo un euro a testa per comprare la carta igienica” racconta.

 

 

Non è stato un percorso facile, quello di Michela che insieme ad altre 4 colleghe ha sporto denuncia all’ispettorato del lavoro e ai sindacati. Per tre anni ha lottato per farsi ascoltare dalle autorità e dagli esponenti politici locali e nazionali. Una di queste donne, aveva percepito 90 euro di stipendio nel mese di dicembre. “Ha dovuto spiegare ai suoi figli che Babbo Natale non sarebbe arrivato”.

“Dopo l’onoreficienza ho ricevuto un’offerta di lavoro da parte di Tim con un contratto a tempo indeterminato.– racconta Michela Piccione –Ho deciso però di rinunciare per non sentirmi una privilegiata e per potermi dedicare ai miei figli”. Quel posto, Michela avrebbe voluto cederlo a una delle colleghe con le quali aveva denunciato lo sfruttamento del call center illegale. “Mi hanno detto che non era possibile” spiega con rammarico. Adesso, Michela proseguirà col suo lavoro di addetta alla sanificazione dei reparti Covid nell’ospedale Giannuzzi di Manduria.

 

Luisa Vittoria Amen 

 

 

Ospite

Michela Piccione

Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: "Per il suo coraggioso gesto di denuncia delle condizioni di sfruttamento del lavoro giovanile" Diplomata all’istituto tecnico chimico biologico. Madre di due figli. Fino ad oggi non ha mai avuto un contratto a tempo indeterminato. Ha svolto vari lavori prima di arrivare al ruolo di centralinista in un call center a Taranto. Si rende conto da subito delle condizioni lavorative cui lei e suoi colleghi sono sottoposti, sfruttati per un compenso irrisorio. Trovata la forza, ha convinto altre 20 colleghe e denunciato alla SLC Cgil tutte le irregolarità riscontrate. In seguito alla denuncia la struttura è stata chiusa.

POTREBBERO INTERESSARTI

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore

Talk About IT

Parliamo degli impatti sullo sviluppo, sulle competenze diffuse e specialistiche, sulla trasformazione della forza lavoro, sulla stessa morfologia delle città non più punto di accumulazione

Cryptovalue

Cryptovalues

Di sicuro sta riscrivendo le regole della fiducia tra persone, enti e istituzioni: è la tecnologia Blockchain, un mondo che va ben oltre i bitcoin.