LEVEL UP

Multiplayers ovunque: la febbre degli esports

Intervista a Erica Mura e Gian Filippo Saba

 

Era il 1972 e una piccola competizione universitaria cambiò per sempre il mondo dei videogiochi. Alcuni concorrenti si riunirono  presso lo Stanford Artificial Intelligence Lab di Los Altos, in California, per dare battaglia nel gioco di combattimento spaziale fantascientifico Spacewar!. A quel tempo, il laboratorio era uno dei pochi locali al mondo con hardware abbastanza sofisticati per eseguirlo.

In palio vi era un abbonamento al Rolling Stones, rivista che aveva promosso l’evento. Da quel giorno, le competizioni videoludiche hanno fatto passi da giganti. Pensiamo all’ultimo grande torneo di Ottobre, quando c’è stata la finale di League of Legend (Cina vs Sud Corea).  3.8 milioni di spettatori in tutto il mondo!

 

Ascolta anche: Indie: il genere che ha conquistato tutti

 

Dunque oggi affrontiamo un tema spinoso: gli esports. Questa nuova realtà, così potente e forte, viene molto spesso dipinta in modo dispregiativo. Soprattutto la stampa generalista vede con occhio critico il fatto che giovani, anche minorenni, giocano per queste competizioni mondiali, guadagnando migliaia – se non milioni – di euro, in caso di vittoria.

Viene visto come qualcosa di poco educativo. Però pensiamo che ci sono squadre calcistiche di Serie A che stanno investendo in questo settore, arruolando ragazzi per creare dei team (e nessuno si scandalizza quando calciatori minorenni firmano contratti con grandi squadre); ma non solo, ci sono anche delle vere e proprie scuole in tutto il mondo. In generale, il mondo dell’esport è in fermento e in costante crescita, con un giro d’affari davvero impressionante –  addirittura esiste un brand italiano, Beaths, che veste i gamer e offre una linea di abbigliamento ideata per soddisfare le esigenze dei professionisti del settore.

Quando si parla di qualcosa in modo scandalistico spesso si rischia di cadere nella superficialità. E con il nostro Gabriele Barducci cercheremo di raccontare questa realtà in maniera differente, nella nuovissima puntata di Level Up, insieme a due esports reporter di The Games Machine: Gian Filippo Saba ed Erica Mura.

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

Gian Filippo Saba

Gian Filippo Saba è perito informatico originario di Sassari. Dopo aver lavorato nella redazione di The Box - il primo late show su Twitch, dal 2017 lavora come collaboratore di The Games Machine ed è specializzato negli esports.

Erica Mura

Erica Mura ha una doppia anima: è perito industriale con specializzazione in chimica e laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Sassari. Un passato come insegnante di chimica, da diversi anni lavora come esports reporter per The Games Machine.

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore