Dove non arriva ChatGPT, Ask Jesus

Ask Jesus è un canale Twitch sperimentale che permette agli utenti di interrogare un’AI modellata sulla vita e sugli insegnamenti di Gesù Cristo. Disponibile 24 ore su 24, sette giorni su sette, AI Jesus offre una sorta di talk show perenne ai visitatori in cerca di una guida spirituale o anche solo di un po’ di compagnia

 

 

Doveva succedere: l’AI, che a ben vedere è venerata da tanti alla stregua di una divinità, sta insidiando anche la Chiesa.

Recentemente in Germania, a Furth, una cerimonia è stata officiata da un’intelligenza artificiale, che ha proposto ai fedeli preghiere e canti liturgici attraverso uno schermo. Non è tutto. Ricordate i deep-fake di Papa Francesco con indosso un improbabile piumino bianco di appena qualche mese fa? Come dimenticarli. L’AI generativa, poi, ormai viene in soccorso anche ai preti un po’ pigri o desiderosi di comporre prediche originali.

Lungo questa china, l’ultima novità è AI Jesus. Dopo Padre Pio chatbot, infatti, negli ultimi giorni è stato lanciato un canale Twitch sperimentale che può già vantare migliaia di follower: Ask Jesus. Gli utenti possono interrogare 24 ore su 24, sette giorni su sette, un’AI modellata sulla vita e sugli insegnamenti di Gesù Cristo. L’intelligenza artificiale in questione si chiama, per l’appunto, AI Jesus e ha l’aspetto di un giovane uomo bianco con la barba, circondato da un alone di luce e nuvole.

 

 

Leggi anche: Rosanna Ramos sposa un uomo creato dall’intelligenza artificiale

 

 

Il canale è interattivo e offre contenuti che rispecchiano le sacre scritture, sebbene Singularity Group – l’organizzazione responsabile dello sviluppo di questa intelligenza artificiale – non abbia legami con la Chiesa. Scopo dichiarato del canale è garantire agli utenti una piattaforma in cui porre domande a un’AI modellata sulla figura di Gesù Cristo e sulla Bibbia.

In quanto piattaforma sperimentale, Ask Jesus permette agli utenti di esplorare le capacità dell’intelligenza artificiale mettendola alla prova con domande religiose e spirituali. Infatti, le persone che si iscrivono al canale – devoti e curiosi – sono incoraggiate a porre domande ad AI Jesus. Le risposte che ricevono fanno perno sugli insegnamenti evangelici ed è indubbio che voce e aspetto del chatbot contribuiscono a dargli una certa autorevolezza.

Ma quanta fame di spiritualità e di risposte esistenziali c’è nel mondo perché si arrivi a interrogare un’intelligenza artificiale sulla differenza tra bene e male?

Lo scorso 10 gennaio, in Vaticano, si sono riuniti leader religiosi e rappresentanti delle imprese tecnologiche. L’evento, chiamato Rome Call for AI Ethics, si prefiggeva di promuovere un’algoretica condivisa, ovvero uno sviluppo etico dell’intelligenza artificiale.

 

 

Per approfondire il tema ascolta la nostra intervista al Prof. Federico Cabitza: Il futuro dell’AI, tra algocrazia e algoretica

 

 

Secondo le religioni abramitiche, i sistemi di AI devono essere concepiti, progettati e implementati per servire e proteggere gli esseri umani e l’ambiente in cui vivono.

Di seguito una sintesi dei concetti emersi nel corso del convegno:

“Il progresso tecnologico deve essere uno strumento di sviluppo per l’uomo, consentendo contemporaneamente il rispetto del pianeta, cioè della casa comune. Perché questo accada, devono essere soddisfatti tre requisiti. L’AI deve includere ogni essere umano, non discriminando nessuno; deve avere al centro il bene dell’umanità e il bene di ogni essere umano; deve essere sviluppata in maniera consapevole della complessa realtà del nostro ecosistema ed essere caratterizzata da un approccio altamente sostenibile, che include anche l’uso dell’intelligenza artificiale per garantire sistemi alimentari sostenibili nel prossimo futuro.”

Mentre leader religiosi e rappresentanti del mondo delle imprese cercano una quadra sul controverso tema dell’AI, però… se un dilemma morale vi attanaglia: ask Jesus!

 

Fonti: Il MattinoThere’s an AI for that

Sabrina Colandrea

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci