CIFcast

A spasso tra città utopistiche e campagne distopiche

Ci addentriamo in un tema proprio della Fantascienza, che è quasi un personaggio ricorrente: le città (utopistiche e distopiche). E nel loro contraltare, la campagna

 

 

Poco più di un anno fa partiva CIFcast, il nostro podcast sulla letteratura fantascientifica in collaborazione con il Collettivo Italiano Fantascienza. Tutto iniziava con l’approfondimento su un personaggio: “l’essere, la creatura, Adamo, la chimera, ovvero il mostro ideato da Victor Frankenstein, chiamato con tutti questi appellativi nell’opera di Mary Shelley”. Vi chiederete perché mai cito quel primo episodio, considerando il titolo di oggi. Ebbene, anche in questa puntata, in un certo senso, i nostri speaker si concentrano su un tema che è, al contempo, un “personaggio ricorrente”: le città.

Come è possibile considerare la città un personaggio? E cosa c’entra con la Fantascienza?

“Centro propulsore della seconda rivoluzione industriale, la città è il luogo in cui la tecnica si è dispiegata con tutta la sua forza e in cui la Scienza ha trovato laboratori, menti, centri di Ricerca, fabbriche dove si è concentrata la manodopera ed è il posto in cui, soprattutto, il denaro si è moltiplicato. Alle generazioni di inizio Novecento la città è sembrata una porta spalancata su un magnifico futuro di progresso.”

Ad oggi più della metà della popolazione mondiale vive in un centro urbano. Le città si “complicano” sempre più rapidamente dal punto di vista demografico, ingegneristico e, per fortuna, anche ecologico. Ansie, paure e speranze relative al futuro sono il sale della letteratura Sci-Fi. Inevitabile, quindi, che le città abbiano un posto di preminenza assoluta nelle opere di Fantascienza, non solamente in quanto ambientazioni, ma come personaggi che prendono parte all’azione drammatica, condizionando il modo di pensare e di agire dei protagonisti.

 

 

Ascolta anche Leigh Brackett: luoghi ed esseri alieni

 

 

Viste come punto focale di una civiltà, nella letteratura, Sci-Fi e non, le città si contrappongono a un altro ambiente abitato dall’uomo sulla Terra, la campagna. A questo dualismo, i nostri ne aggiungono un altro, quello tra utopia e distopia.

Si delineano così quattro scenari. La città utopistica (la ritroviamo, ad esempio, nelle opere “La Città di Dio” di Sant’Agostino e “La città del Sole” di Tommaso Campanella); la campagna utopistica (lo sono il Paradiso terrestre, l’Arcadia dei poeti greci e certe visioni solarpunk moderne); la città distopica (la Città delle Macchine in “Matrix”, che usa gli esseri umani come fonte di energia, l’iconica Los Angeles di “Blade Runner” o le città semoventi del film “Macchine mortali”); infine, la campagna distopica (i mondi apocalittici alla “Mad Max” ne sono pieni, visto che anche le città sono sempre distrutte).

L’argomento è vastissimo. Quali temi, problemi, speranze, sottendono questi scenari? Quali altri esempi avranno chiamato in causa i nostri esperti di Fantascienza?

Per scoprirlo non vi resta che premere play. E, se dopo l’ascolto non ne aveste abbastanza, qui c’è l’episodio “Distopie”.

Sabrina Colandrea

Sabrina Colandrea

Ospite

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Dall’AI all’avvento dell’AGI: quale futuro per il mondo del lavoro?

Ospite: Luca Foresti

OLL IN
con Lelio Borgherese