OLL IN

La tutela della privacy in un mondo che cambia

Intervista a Guido Scorza, membro del collegio del Garante per la protezione dei dati personali

 

 

La privacy è un valore inalienabile. Tutelarla significa tutelare la propria identità nella sua interezza e quindi tutelare anche le nostre possibilità di sviluppo intellettuale, emozionale e spirituale, mettendoci a riparo da ogni deriva di mercificazione dell’uomo. Questo il tema dell’ultima puntata di OLL In, trasmissione condotta dal Presidente di Assocontact e del Gruppo Activa, Lelio Borgherese.

Insieme a lui Guido Scorza, componente del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali, già avvocato cassazionista e socio fondatore dello studio legale E-Lex.

Nonostante il rispetto della privacy costituisca un pilastro dei principi europei, il valore della tutela dei dati non è ancora pienamente riconosciuto, soprattutto da parte dei più giovani. Secondo Scorza, “in parte, la ragione sta nel comprendere il vero valore della proprietà intellettuale, perché si tratta di diritti che non hanno né forma né materia. In parte invece, questo è dovuto al fatto che i più giovani sono cresciuti in un mondo in cui il confine tra vita pubblica, vita privata e vita segreta è molto, molto sottile”.

 

 

Ascolta anche: L’effetto della pandemia su protezione dei dati personali e privacy

 

 

Meno di un mese fa è stata approvata la bozza ufficiale del Regolamento sull’approccio all’Intelligenza artificiale della Commissione europea. Il nuovo documento, per i temi legati all’AI, si pone come un’evoluzione del GDPR in conseguenza dell’enorme accelerazione del digitale imposta dalla pandemia. Da una prima analisi emerge una questione sostanziale che riguarda l’etica delle tecnologie AI e la loro compatibilità con la concorrenza in un contesto globale dove i giganti del settore possono sfruttare l’AI con molta più disinvoltura e limiti decisamente meno stringenti.

L’Europa rischia di diventare il continente della over regulation per il suo approccio più orientato alla privacy. Si rischia di restare indietro nello sviluppo delle tecnologie di Intelligenza Artificiale”,  osserva Guido Scorza. “La normativa imposta dal GDPR, però, ha posto l’Europa sul palco degli attori globali, aprendo alla possibilità di rendere questo tipo di regolamentazione un esempio”.

 

 

Ascolta anche: Verso il call center nazionale che salverà Immuni

 

 

Un altro tema affrontato nell’intervista è quello della digitalizzazione nella PA. Durante la pandemia sono emersi infatti alcuni problemi seri. Ad esempio l’app Immuni si è scontrata con la sfiducia dei cittadini e la difficoltà nel condividere dati per il contact tracing. Secondo Guido Scorza non è questo l’unico motivo che ha decretato la débacle dello strumento: “Una parte del suo insuccesso è dovuta soprattutto a una cattiva gestione del patrimonio informativo pubblico”, spiega l’avvocato, E aggiunge: “Una piaga della nostra Pubblica Amministrazione è una sorta di gelosia dei dati. Una convinzione secondo la quale il possesso esclusivo dei dati si traduce in maggior potere. In questo modo si continua a tenere questo patrimonio segregato e senza possibilità di interoperabilità”.

Luisa Vittoria Amen

 

 

Luisa Amen

Ospite

Guido Scorza

Guido Scorza è componente del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali, già Presidente dell’Istituto per le politiche dell’Innovazione, oltre che avvocato cassazionista e socio fondatore dello studio legale E-Lex, che ha lasciato all’atto dell’assunzione dell’incarico per il Garante. È stato consigliere giuridico del Ministro per l’innovazione ed è rappresentante vicario del Governo italiano presso […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci

PODCAST

Madè (CONTENTS): così l'AI sta cambiando il mondo del lavoro
Intelligenza artificiale

Tommaso Madè (Contents): “Così l’AI sta cambiando il mondo del lavoro”

Ospite: Tommaso Madè

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Grok, Musk e il timore delle intelligenze sovrumane: l'analisi del Data Protection Officer e Board member di Humint Consulting – Think Tank, Matteo Sironi
Cybersecurity

AI generative, un mondo senza regole

Ospite: Matteo Sironi

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu

PODCAST

Cultura e Società

Dall’AI all’avvento dell’AGI: quale futuro per il mondo del lavoro?

Ospite: Luca Foresti

OLL IN
con Lelio Borgherese