SPECIALE COVID-19

Speciale Covid-19. La gestione dell’emergenza in Francia

Intervista a Francesco Tommaso Aiello, assistant spécialiste presso l’Unité REB Covid dell’Hôpital Louis-Mourier di Parigi

 

 

Francesco Aiello è un giovane medico italiano che presta servizio in un’unità Covid dell’Hôpital Louis-Mourier di Parigi, facente parte del consorzio APHP (Assistance Publique Hôpitaux Paris) e che, in precedenza, ha prestato servizio nei reparti Servicio de Urgencias e Internal Medicine dell’Hospital Universitari Mùtua Terrassa di Barcellona.

 

Partendo dalla sua biografia professionale e dall’attuale situazione in Francia, questo episodio dello Speciale Covid-19 di Radio Activa si propone di indagare le differenze tra gli approcci di Italia, Francia e Spagna alla gestione dell’emergenza sanitaria.

 

 

Ascolta anche: Speciale Covid-19. La fase 2 in Lombardia, intervista al medico Alessandro Jachetti (Pronto Soccorso del Policlinico di Milano)

 

 

In un recente articolo, apparso su “Le Monde”, Roberto Saviano si è espresso in maniera fortemente critica nei confronti della gestione dell’emergenza in Lombardia, parlando di “fallimento del sistema sanitario regionale”. L’Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma, invece, è stato spesso citato dai media italiani, ma non solo, come esempio positivo di gestione di una situazione critica che di fatto nella capitale non è mai degenerata. Con le parole di Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani, “la mancanza di una rete territoriale è uno dei problemi. Ci vuole un modello sanitario centralistico per gestire le malattie infettive, senza non ne usciremo mai fuori”.

 

 

Ascolta anche: Speciale Covid-19. La (ri)scoperta della fragilità, intervista allo psicologo Guido Giovanardi

 

 

In Francia, a detta del nostro ospite, c’è meno dispersione in merito alle politiche sanitarie. “Qui ci sono delle unità di gestione della crisi che diramano le informazioni a tutto il territorio. Le indicazioni decise a livello centrale rendono le scelte operative più immediate, contrariamente a ciò che ho potuto riscontrare parlando con i colleghi italiani”, osserva Aiello. E aggiunge: “Ci sono state differenze anche nell’approccio tecnico, per così dire. In Francia fin dall’inizio è stato detto che i medicinali antinfiammatori non steroidei e i cortisonici potevano rappresentare un fattore di rischio per l’infezione da Covid-19 e le eventuali successive complicazioni. Per quanto ne so, questa cosa non è stata presa in considerazione in Italia e in Spagna. Ad oggi non sappiamo ancora chi aveva ragione, ma è interessante notare diversità non solo nella gestione del problema, ma anche sul piano tecnico”.

 

Tra gli altri temi affrontati nel corso della conversazione, la gravità della situazione francese, le scelte in merito a ricoveri, terapie da adottare e tamponi, la fase 2, che in Francia inizierà con la riapertura delle scuole.

 

Redazione

 

 

Ospite

Francesco Tommaso Aiello

Francesco Tommaso Aiello è un medico italiano che, da novembre 2019, presta servizio come assistant specialiste presso l’Hôpital Louis Mourier dell’Assistance Publique - Hôpitaux de Paris, ovvero il consorzio degli ospedali pubblici parigino. Nel periodo di massima emergenza legata al diffondersi del Coronavirus, Aiello ha esercitato all’interno dell’unité Reb Covid del medesimo ospedale. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Pavia, Aiello ha svolto il programma di studio Erasmus presso l’Hospital Clinic dell'Università di Barcellona. Prima del ruolo attuale, che ricopre da novembre 2019, è stato medico di medicina interna nell’Ospedale universitario Mùtua Terrassa di Barcellona.

POTREBBERO INTERESSARTI

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore

Talk About IT

Parliamo degli impatti sullo sviluppo, sulle competenze diffuse e specialistiche, sulla trasformazione della forza lavoro, sulla stessa morfologia delle città non più punto di accumulazione

Cryptovalue

Cryptovalues

Di sicuro sta riscrivendo le regole della fiducia tra persone, enti e istituzioni: è la tecnologia Blockchain, un mondo che va ben oltre i bitcoin.