Robert Doisneau in mostra al Museo dell’Ara Pacis

Le parole dell’assessore alla Cultura di Roma, Miguel Gotor

 

 

Si è tenuta oggi, all’Auditorium del Museo dell’Ara Pacis a Roma, la conferenza stampa che inaugura la mostra dedicata al celebre fotografo francese Robert Doisneau. All’incontro è seguita la prima visita ufficiale all’esposizione: oltre 130 immagini provenienti dalla collezione dell’Atelier Robert Doisneau a Montrouge.

La retrospettiva è promossa e prodotta da Roma Culture – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Silvana Editoriale Project, con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura.

All’evento sono intervenuti Miguel Gotor, assessore alla Cultura di Roma Capitale, e Gabriel Bauret, curatore della mostra.

Insieme a Henri Cartier-Bresson, ora in mostra al Mudec a Milano, Doisneau è considerato uno dei padri fondatori della fotografia umanista francese e del fotogiornalismo di strada. Obiettivo primario dell’artista era catturare il quotidiano, le vie di Parigi e la sua gente.

Lo scatto del bacio della giovane coppia (qui sotto), indifferente ai passanti e al loro giudizio, è una delle fotografie più conosciute al mondo.

Lo scatto al bacio della giovane coppia, indifferente alla folla dei passanti e al traffico della place de l’Hôtel de Ville di Parigi, è una delle fotografie più conosciute al mondo. L’autore è Robert Doisneau, il grande maestro della fotografia al quale è dedicata la mostra al Museo dell’Ara Pacis.

 

 

La nostra inviata alla mostra, Sabrina Colandrea, ha intercettato le parole dell’assessore alla Cultura di Roma, Miguel Gotor:

 

 

Come si evince anche dalle parole dell’assessore, attenzione particolare è stata dedicata all’accessibilità. Per le persone con disabilità visiva è stato progettato, in collaborazione con il Museo Tattile Statale Omero, un percorso dedicato, dotato di disegni a rilievo e relative audiodescrizioni.

Inoltre, per il pubblico sordo sono a disposizione visite guidate gratuite e interpreti della Lingua dei Segni Italiana – LIS. Un servizio, questo, messo a disposizione dal Dipartimento Politiche Sociali e Salute – Direzione Servizi alla Persona di Roma Capitale e realizzato dalla Cooperativa Segni d’Integrazione – Lazio.

Ricordiamo che la mostra è aperta al pubblico da domani, 28 maggio, fino al 4 settembre 2022. 

 

 

Leggi anche: La fisica restaura l’arte? Il Progetto ARTEMISIA. Quando l’Innovazione incontra il patrimonio artistico

 

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Sostenibilità

Energie al femminile: donne alla guida della rivoluzione green e digitale con Pika Energy

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci