Rome Future Week: si parte!

Una settimana di Innovazione e condivisione a Roma

 

 

Mancano poche ore al taglio del nastro della Rome Future Week®, prima edizione della manifestazione diffusa che si pone come obiettivo traghettare la Città Eterna nel futuro e che sembra destinata a divenire una pietra miliare di un nuovo cammino. Innumerevoli, è il caso di dirlo, gli eventi in cartellone: oltre 300 gli appuntamenti in calendario dall’11 al 17 settembre sparsi in più di 200 diversi luoghi di Roma.

A regalare un’avventura digitale tra le strade della Capitale – sufficienti uno smartphone e occhi all’insù – è l’app di Augmented City che permette di accedere a contenuti esclusivi capaci di far vivere cinque iconici monumenti della città in realtà aumentata.

Con la Rome Future Week arriva anche Future Explorers, uno dei primi badge digitali di certificazione delle competenze in blockchain, realizzato da LutinX. Permetterà a 300 giovani dai 18 ai 30 anni, che intendono formarsi attraverso gli appuntamenti offerti dalla manifestazione, di ottenere il badge e utilizzarlo sul proprio profilo Linkedin così da moltiplicare le proprie opportunità professionali.

 

 

Leggi anche: Intelligenza artificiale o truffa? Perché l’AI Washing è sempre più diffuso

 

 

“Il futuro è già scritto”, progetto realizzato in collaborazione con l’Associazione Librai di Roma e provincia, vedrà coinvolte più di 20 librerie indipendenti della città nel selezionare ed esporre in vetrina opere che anticipano, immaginano e riflettono sul futuro e sull’Innovazione.

Creare nuove reti e accompagnare la Capitale verso una nuova vita attraverso l’Innovazione: questi gli obiettivi della manifestazione, che vede le istituzioni come parte attiva della Rome Future Week, come evidenzia Monica Lucarelli, assessora alle Politiche della Sicurezza, Attività produttive e Pari opportunità:

“Come Roma Capitale siamo molto contenti di partecipare attivamente all’organizzazione di un evento che racconta l’Innovazione tecnologica, sociale e culturale, connettendo idee e persone. Un’idea vincente che ha subito riscosso l’entusiasmo di tanti soggetti, istituzionali e non. Trecento eventi sul territorio con la Casa delle Tecnologie Emergenti che avrà un ruolo centrale ospitando l’headquarter della manifestazione con più di 30 iniziative. La nostra città è da sempre capitale dell’Innovazione in Italia, con eventi come la Future Week possiamo fare un passo in avanti e creare reti di comunicazione tra tutti coloro che stanno già contribuendo alla costruzione del futuro”.

 

 

Leggi anche: Nuova indagine, il 60% dei professionisti si dichiara stressato

 

 

Sulla valorizzazione della città di Roma, come luogo che vive tra un passato glorioso e un futuro ancora tutto da scrivere, si è soffermato Philip Abussi. Il compositore e Head of Music di Mokamusic ha restituito i valori della manifestazione, elaborando il concetto di “ponte”. Ha creato la sigla della Rome Future Week®, una composizione che accompagnerà tutti gli eventi, e, durante la cerimonia di inaugurazione, verrà proiettata in anteprima nazionale la sua opera audio-visiva “ROMA PONS MUNDI”, che in quattro minuti racconta, con l’ausilio dell’AI, passato e futuro della città eterna.

E, se nelle laboriose fasi che hanno favorito la “manifestazione di interesse” prima, e la strutturazione del cartellone poi, gli oltre 120 Ambassador hanno messo a disposizione il proprio network di relazioni, oggi operano da collettori e – seguendo i valori del festival ma soprattutto la loro inclinazione e i loro interessi – hanno realizzato delle “playlist”, accurate selezioni di appuntamenti da non perdere.

Tutte le novità, gli appuntamenti, la mappa degli eventi, le iniziative speciali (e il tutto-da-svelare “calendario della Night Week”) si possono trovare sul sito dalla manifestazione www.romefutureweek.it e all’interno di “Casa Futuro”, quartier generale presso la Casa delle Tecnologie Emergenti (all’interno della Stazione Tiburtina) dove, con il supporto del podcaster e creator Mario Moroni, si animerà l’Open Stage, un palco dedicato a talk, interviste, in particolar modo agli interpreti targati “Rome Future Week”, apostoli dell’Innovazione.

 

 

Leggi anche: Nell’eterna lotta tra i Deep Fake e la realtà spunta FakeCatcher

 

 

Rome Future Week® proseguirà con sette giornate ricche di eventi che spazieranno dalla cultura alla sostenibilità ambientale, dalla tecnologia al sociale, con focus dedicati anche a turismo, mobilità, formazione e lavoro, sport e wellness, e altre tematiche di grande attualità, per un progetto che vuole mettere in contatto nuove esperienze e professionalità per affrontare le sfide del domani grazie allo spirito di cooperazione.

“La nostra azienda è spinta dalla passione per l’Innovazione e il costante desiderio di affrontare sfide sempre nuove. Come BAT Italia, siamo orgogliosi di partecipare e sostenere la prima edizione della Rome Future Week, un evento innovativo in città, focalizzato su idee che promuovono una visione condivisa del futuro. Parteciperemo all’evento aprendo le porte della nostra azienda a importanti startup del territorio italiano e a studenti universitari per aiutarli a muovere i primi passi nel mondo del digitale e del lavoro. Guardiamo con entusiasmo al domani, certi che insieme possiamo contribuire a costruire A Better Tomorrow™, un futuro migliore per tutti”, ha affermato Francesca Saule, Digital Marketing Growth Hub Lead di BAT Italia, tra gli sponsor della manifestazione.

 

 

Ascolta il nostro podcast: Fantascienza e videogame

 

 

Turismo e innovazione tecnologica sono fortemente correlati da reciproche interazioni – ha dichiarato, invece, Onorio Rebecchini, Presidente del Convention Bureau Roma e Lazio, tra gli enti che patrocinano la Future Week – volte alla realizzazione di un’offerta turistica integrata sempre più attenta alla sostenibilità dei viaggiatori leisure e business, consentendo agli operatori del settore di avvicinarsi alla sensibilità dei turisti migliorandone l’accessibilità e l’esperienza di viaggio. La Rome Future Week®, oltre a promuovere un format dinamico e all’avanguardia in grado di mostrare Roma e le diverse attività imprenditoriali coinvolte in una veste eco-sostenibile, rappresenta un’occasione imperdibile per esplorare le nuove tendenze legate al Digital Tourism. A tal ragione, abbiamo scelto di sostenere Rome Future Week, un progetto ambizioso, nonché un network virtuoso, volto alla creazione di nuove sinergie e partnership sul territorio.”

 

Ascolta anche: Food Cost in Cloud mette l’AI al servizio della ristorazione

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci