TikTok: la piattaforma che sta rivoluzionando il mondo dei libri ora vuole pubblicarli

Non solo BookTok, ora l’azienda cinese più chiacchierata al mondo vuole diventare anche editore e, nel mese di aprile, ha registrato un marchio chiamato “8th Note Press”

 

 

TikTok, il noto social network cinese, ha avuto un impatto significativo sul settore editoriale negli ultimi due anni. Questa piattaforma, infatti, ha influenzato le vendite dei romanzi in misura maggiore rispetto a ogni altra, contribuendo così a trasformare alcuni libri in veri e propri bestseller. Un fenomeno che gira sotto il nome di BookTok. Se siete lettori e avete TikTok è impossibile che non vi siate fatti influenzare anche voi.

Lo confesso: sono una vittima anche io.

Le case editrici italiane e internazionali, da tempo, cercano di sfruttare questa tendenza pubblicando libri simili a quelli che troviamo su TikTok. Ora, però, sembra che l’azienda proprietaria del social, ByteDance, voglia provare a entrare nel mercato editoriale. Un articolo del New York Times ha riportato che ByteDance ha iniziato a proporre contratti editoriali ad autrici che autopubblicano i loro romanzi rosa in formato ebook. Inoltre, l’azienda ha registrato un marchio editoriale chiamato “8th Note Press” nel mese di aprile.

Sembra che tutte le pedine giuste siano sulla scacchiera per provare lo scacco matto all’editoria tradizionale, ma sarà proprio così?

 

 

Leggi anche: Su TikTok l’AI riscrive la storia

 

 

Il fenomeno del BookTok, che consiste nella diffusione di video di libri condivisi su TikTok, si è rivelato un potente strumento di passaparola internazionale, posizionando numerosi romanzi in cima alle classifiche di vendita di diversi Paesi. Questo ha permesso a libri usciti anche diversi anni fa di tornare a essere acquistati da un vasto pubblico di giovani lettori. Secondo i dati diffusi da ByteDance, nel corso dell’ultimo anno i video con l’hashtag #BookTok hanno totalizzato oltre 91 miliardi di visualizzazioni, rispetto ai 60 miliardi dell’anno precedente. Secondo l’azienda di analisi di mercato Circana BookScan, le vendite di libri collegate a TikTok sono aumentate del 40% tra il 2021 e il 2022.

Un caso principe che ha viaggiato sotto questa spinta è stato “Follia” di Patrick McGrath, pubblicato in italiano da Adelphi.

 

 

Leggi anche: (Solo) TikTok ha un problema di privacy?

 

 

Per il momento si sa ancora poco sul nuovo marchio editoriale. Secondo il New York Times, ByteDance avrebbe assunto Katherine Pelz, rinomata professionista nel settore editoriale dei romanzi rosa negli USA, per individuare scrittori a cui proporre un contratto di pubblicazione. L’azienda non ha rivelato se ha intenzione di pubblicare libri cartacei e se li distribuirà anche tramite le librerie tradizionali. In una e-mail inviata a un autore, ByteDance ha affermato di volersi concentrare principalmente sugli ebook e di realizzare stampe su richiesta, almeno fino al lancio di un sito di e-commerce dedicato a TikTok.

I servizi di stampa su richiesta sono già utilizzati da Amazon, sia per i libri autopubblicati sul proprio sito sia per quelli venduti in Paesi diversi da quelli di pubblicazione. Ad esempio, se acquistate un libro americano in formato cartaceo dall’Italia, potrebbe essere stampato su richiesta da Amazon in Italia. Questa soluzione risulta più economica rispetto al recupero di una copia “originale” dagli Stati Uniti. Un compromesso efficiente e funzionale.

 

 

Leggi anche: Creator Economy e spunta blu sui social. Davvero è così importante averla?

 

 

Per quanto riguarda 8th Note Press, non si sa ancora quando e come inizierà a distribuire i propri libri, né che tipo di libri saranno. Tuttavia, considerando le autrici che hanno ricevuto proposte editoriali finora, sembra che si stia concentrando sui generi romance, fantasy e gialli. Il New York Times ha intervistato alcune di queste scrittrici e ha scoperto che gli anticipi proposti da ByteDance non sono particolarmente alti, segno che l’azienda sta agendo con cautela in questo nuovo settore.

ByteDance ha offerto a Tricia O’Malley, autrice di numerosi romanzi rosa autopubblicati di grande successo, un anticipo di 7mila dollari per i diritti di pubblicazione di due libri. Tuttavia, questo importo è inferiore a quanto O’Malley guadagna attualmente ogni mese con due dei suoi libri. Nonostante l’offerta allettante, l’autrice ha deciso di rifiutare.

 

 

Leggi anche: We are awful

 

 

Cosa ci dice di noi questa notizia?

La tendenza del BookTok dimostra come il passaparola generato dai contenuti video possa avere un impatto diretto sulle vendite di libri, spingendo romanzi sconosciuti o pubblicazioni più datate a raggiungere nuovi lettori. Questo fenomeno offre una possibilità di visibilità senza precedenti per gli autori emergenti e può contribuire a creare nuovi successi letterari.

In più, l’ipotesi TikTok come strumento di promozione e di distribuzione di libri in formato ebook potrebbe aprire nuove prospettive per gli autori indipendenti e per i contenuti di nicchia che altrimenti potrebbero faticare ad avere accesso ai canali tradizionali.

Infine, l’influenza di TikTok e delle piattaforme digitali sul mondo dell’editoria rappresenta un’opportunità di crescita e cambiamento. Sarà interessante vedere come gli autori, le case editrici e il pubblico si adatteranno a questa nuova dinamica e come il settore editoriale evolverà per abbracciare appieno le potenzialità offerte dalla tecnologia digitale.

In Italia si legge poco, è un fatto. La nascita di una nuova ondata di lettori credo sia solo da auspicare… che l’editoria tradizionale si attrezzi di conseguenza.

 

Ascolta il nostro podcast: Fantascienza e videogame. Cosa hanno in comune questi due mondi?

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci