TALK ABOUT IT

Cyber security e minacce informatiche: una nuova consapevolezza per le imprese

Intervista a Lorenzo Benigni, Rocco Mammoliti e Teodoro Valente

 

La pandemia da Covid 19 ha portato ad un aumento esponenziale degli attacchi informatici, sferrati soprattutto ai danni di aziende ed enti sanitari, pubbliche amministrazioni e cittadini. Da qui l’esigenza di prepararsi alla difesa, soprattutto per le aziende più vulnerabili. Sono questi i temi al centro della nuova puntata di Talk About IT.

“Complice la pandemia, l’anno che abbiamo alle spalle ha rivelato appieno gli scenari della data society. Fino a quel momento, la riflessione circa la dominance dei dati e la loro protezione era una questione circoscritta agli addetti ai lavori e agli studiosi- Spiega Lorenzo Benigni, Senior VP con delega alle Relazioni Istituzionali, azionista di Elettronica e Presidente del Tavolo Tecnico Cyber Security presso Unindustria Lazio. -Oggi, ogni governo, ogni imprenditore, ogni cittadino è consapevole dei prodigi e dei rischi della digitalizzazione”.

Altri ospiti del salotto di Marco Borgherese, sono Rocco Mammoliti, Responsabile della funzione Sicurezza delle Informazioni di Poste Italiane S.p.A. e il Prof. Teodoro Valente, Ordinario di Scienza e Tecnologia dei Materiali presso La Sapienza Università di Roma nel Dipartimento di Ingegneria Chimica Materiali e Ambiente. Valente ricopre anche il ruolo di Presidente del National Competence Center Cyber 4.0.

 

Ascolta anche: L’effetto della pandemia su protezione dei dati personali e privacy

 

Una fotografia completa, ce la offrono i dati dell’ultimo rapporto Clusit, l’Associazione Italiana per la sicurezza informatica. Ad illustrare i più importanti è il Prof. Valente: “Dal rapporto emerge che gli attacchi informatici nel 2020 sono aumentati di circa il 12%, rispetto all’anno precedente, mentre l’incemento complessivo nell’ultimo quadriennio si attesta intorno al 66%. Il 10% di questi era basato sul tema Covid 19, includendo in particolare attacchi ai danni di soggetti coinvolti nello sviluppo dei vaccini. Nel settore sanitario infatti, il 55% dei cyber attacchi è riconducibile a questo tema”. 

Come arginare dunque, questo problema? L’investimento migliore è quello sulle competenze, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza di enti ed aziende, soprattutto a livello manageriale. È d’accordo anche Rocco Mammoliti, membro del Tavolo Tecnico per la Cyber Security presso Unindustria Lazio. “Fino a pochi mesi fa, la gestione del rischio e l’approccio alla cyber security venivano visti come un orpello. Oggi siamo di fronte a tre grandi problemi. Il primo riguarda il commitment aziendale ai vertici tra i quali non c’è sempre un corretto livello di consapevolezza e gestione del rischio. Devono migliorare inoltre la capacità di misurare l’esposizione al rischio e il livello di maturità tecnologica. Questi passi consentirebbero un salto di qualità e offrirebbero un valore aggiunto all’affidabilità di un’azienda”.

 

 



Ospite

Lorenzo Benigni

Senior VP con delega alle Relazioni Istituzionali e azionista di Elettronica, società della difesa leader nell’Electronic warfare e parte di un Gruppo con asset nel cyber e nell’homeland security. Laurea in Business Administration alla John Cabot University e Master alla Luiss Business School. Presidente del Tavolo Tecnico Cyber Security presso Unindustria Lazio.

Rocco Mammoliti

Laureato in Ing. Elettronica, Master in Security al CASD (Centro Alti Studi della Difesa), ha svolto attività di ricerca nel settore dell’ingegneria dell’informazione e della sicurezza informatica presso il CNR di Pisa, è autore di diverse pubblicazioni  scientifiche sui sistemi dinamici non lineari, sull’analisi e la modellistica di serie temporali e su diversi ambiti della sicurezza  informatica (information security, cryptography, mobile security, ecc.). Ha partecipato a diversi WG in ambito EU, ITU e GSM Association ed è senior member di IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers), Computer Society e Biomedical Engineering.  Ha lavorato per diverse società nel settore IT e TLC (Bull, IT Telecom, Telecom Italia-TIM) dove ha assunto nel tempo diversi incarichi di Responsabile IT Security, Security Governance e Chief Information Security Officer. Ha ideato, realizzato e gestito i primi SOC e CERT accreditati in Italia da ENISA, Trusted Introducer e FIRST. Attualmente è Responsabile della Sicurezza Informatica del Gruppo Poste Italiane, all’interno del quale segue le attività di IT Security & Compliance,  Risk Analysis e Cyber Risk, Security Engineering e Security Management & Innovation. E’ resp. tecnico-scientifico del progetto PON-MIUR Distretto Tecnologico Cyber Security e di diversi progetti in ambito europeo (Horizon, EIT Digital). E’ membro del Direttivo della Sezione IT di Unindustria e membro del GT Cybersecurity.

Teodoro Valente

Professore Ordinario di Scienza e Tecnologia dei Materiali presso il Dipartimento di Ingegneria Chimica Materiali Ambiente di Sapienza Università di Roma. Laureato in Ingegneria Meccanica, master MBA presso l’Università LUISS. Già visiting Scientist presso l’Osaka National Research Institute, Esperto nazionale distaccato dal MUR presso la Commissione Europea per le azioni COST nell’Area Materiali, Direttore prima e Presidente poi del Consorzio Interuniversitario Nazionale INSTM sulla Scienza e Tecnologia dei Materiali. E’ stato Direttore del Dipartimento di Ingegneria Chimica Materiali Ambiente, Vice Presidente del Consorzio Sapienza Innovazione, membro della Commissione Brevetti e Spin-off e Pro Rettore alla Ricerca Innovazione e Trasferimento Tecnologico di Sapienza Università di Roma. Valutatore per conto del MUR, del MISE e della Commissione Europea di proposte progettuali di ricerca e sviluppo nell’ambito di diversi bandi pubblici. Responsabile del Centro Nazionale di Riferimento INSTM “Laboratorio di Ingegneria dei materiali e delle superfici”, Presidente del Centro Nazionale di competenza Cyber4.0 sulla cyber-sicurezza. Insegna Scienza e Tecnologia dei Materiali e Aerospace Materials presso Sapienza. Responsabile di numerosi progetti di ricerca e sviluppo in collaborazione pubblico-privato. Autore di più di 160 pubblicazioni e di due brevetti internazionali.

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore