TALK ABOUT IT

L’effetto della pandemia su protezione dei dati personali e privacy

Intervista a Nicola Fabiano e Vincenzo Bianchini

 

Da più di quattro anni, la rivoluzione in tema di dati personali e privacy, porta il nome di GDPR. Il regolamento Europeo  n. 2016/679 approvato il 25 maggio 2016 ha segnato una svolta epocale, che potremmo definire una rivoluzione culturale. In questa puntata di Talk About It, Lelio Borgherese, presidente del Gruppo Activa, ha intervistato Nicola Fabiano, presidente dell’Autorità Garante per la privacy di San Marino e Vincenzo Bianchini, membro del consiglio direttivo di Unindustria e Amministratore Unico Tecnologie e Comunicazioni Srl. Come spiega Nicola Fabiano, il GDPR “non costituisce un punto di arrivo ma un punto di partenza nell’approccio alla protezione dati”.

 

Ascolta anche: I passi della rivoluzione

 

Tra i temi di dibattito nel corso della puntata, l’impatto della pandemia sulla protezione dei dati personali. Alcuni governi hanno fatto ricorso al riconoscimento facciale e ai Big Data, per tracciare in tempo reale gli spostamenti di tutti e limitare i contagi da Covid-19. Da qui, la necessità di trovare un punto di equilibrio tra l’interesse della
persona e l’interesse della collettività, ma anche tra diritti apparentemente imprescindibili come libertà, salute e sicurezza. Un ruolo importante l’hanno avuto le app di contact tracing come Immuni, che ancor prima di essere rilasciate hanno scatenato una bufera di polemiche e di timori sulla sicurezza. “Eppure, i problemi di Immuni non sono legati alla protezione dei dati personali.– spiega Fabiano –Il GDPR non fornisce indicazioni sul tipo di tecnologia da adottare”.

 

Ascolta anche: Verso il call center nazionale che salverà Immuni

 

Insieme a Vincenzo Bianchini invece, Lelio Borgherese approfondisce la percezione che le aziende hanno del GDPR e le differenze nell’approccio alla compliance tra grandi, medie e piccole imprese. L’ottica comune è quella del rispetto dell’accountability prevista dal GDPR attraverso un sistema di compliance aziendale. “Sebbene le imprese il GDPR è cambiato il punto di vista verso il concetto protezione dei dati. – spiega Bianchini – Ora c’è una maggiore responsabilità da parte delle aziende e un’intenzione maggiore ad approfondire il tema della privacy attraverso corsi e lezioni”.

La discussione tocca anche il tema della protezione dati sui social media. Un argomento di pressante attualità nelle ultime settimane. Da un lato Whatsapp che ora rischia una sanzione da 50 milioni di euro per una scarsa trasparenza nello scambio dati con Facebook, dall’altra Tik Tok, nel mirino dell’Autorità Nazionale per i rischi legati ai minori. Queste grandi piattaforme digitali sono spesso indicate come antagoniste della protezione dei dati. Per certi aspetti si tenta di conciliare due diverse visioni. L’una che vede il valore aggiunto della condivisione, l’altra che invece invoca il diritto individuale all’autodeterminazione.

 

Luisa Vittoria Amen

 

 

Ospite

Nicola Fabiano

Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali di San Marino, avvocato cassazionista, Specialista in Diritto Civile, esperto e consulente in materia di protezione dei dati personali, privacy e sicurezza informatica, innovatore in campo IoT e Law; Blockchain & Law; Neuroscienze.

Vincenzo Bianchini

Amministratore Unico Tecnologie e Comunicazioni srl, Dal 2008 è Data Protection Officer. E' inoltre membro del consiglio direttivo di Unindustria per la Sezione Information Technology di Unindustria, l'Unione degli Industriali e delle imprese di Roma, Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo per il quadriennio 2020 - 2024.

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore