Maker Faire Rome 2023, annunciate le date ufficiali

“Maker Faire Rome 2023 – The European Edition” si terrà dal 20 al 22 ottobre alla Fiera di Roma e affronterà tutte le componenti chiave dell’Innovazione

 

 

Abbiamo l’ufficialità: torna anche quest’anno la Maker Faire Rome. Come si legge nel comunicato stampa uscito poche ore fa,

la kermesse – promossa e organizzata dalla Camera di Commercio di Roma – si terrà dal 20 al 22 ottobre alla Fiera di Roma e affronterà tutte le componenti chiave dell’Innovazione: dalla manifattura digitale all’Internet of Things, dalla robotica all’intelligenza artificiale, dall’economia circolare all’Agritech, dal Digital Manufactoring agli e-sports passando per i Big Data e l’aerospazio, fino alle ultime scoperte del Metaverso e della realtà aumentata.”

Si preannuncia, quindi, un’edizione ancora più ampia delle precedenti, in un contesto urbano adatto a ospitare una manifestazione in costante crescita ed evoluzione. Per ora, cosa dobbiamo aspettarci?

 

 

Scopri anche i robot della Maker Faire Rome 2022

 

 

La Maker Faire 2023 sarà l’undicesima edizione della manifestazione. Un traguardo che non si raggiunge per caso. Parliamo di un progetto che è cresciuto nel tempo e rimane un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono utilizzare la propria visione per cambiare in meglio il mondo. Quali altre invenzioni “impossibili” avremo l’occasione di osservare quest’anno? Quali incontri potremmo fare? Sì, perché si tratta di una fiera con uno scopo preciso: mettere in contatto “aziende, startup, istituti di ricerca, scuole, università e innovatori”.

“La nostra è una fiera inclusiva, dove la tecnologia è alla portata di tutti, non solo degli addetti ai lavori. Questo spirito ci ha accompagnato fin dalla prima edizione e lo abbiamo mantenuto, intatto, negli anni. Maker Faire Rome coinvolge tutti in maniera semplice e diretta. Quest’anno, alla Fiera di Roma, avremo anche più spazi per interagire con il grande pubblico e siamo pronti per allestire una nuova, indimenticabile, edizione.”

 

 

La robotica è la tua passione? Ascolta il nostro podcast Isaac Asimov: i robot e la costruzione del diverso

 

 

Tante sono le novità che verranno annunciate a breve. Una di queste è la “Call for Big Bang Projects” ovvero l’opportunità rivolta a tutti, maker, artisti, visionari per costruire la nuova edizione non solo nei contenuti, ma anche nelle sue attrazioni più importanti.

“Stiamo già lavorando all’edizione 2023 – afferma Luciano Mocci, Presidente di Innova Camera, Azienda speciale della Camera di Commercio di Roma – che avrà una dimensione imprenditoriale ancora più marcata, con il coinvolgimento di numerose startup, anche straniere. Chi partecipa alla Maker Faire può vedere, da vicino, le persone che con la loro creatività stanno costruendo il nostro presente e il nostro immediato futuro”.

Parole a cui seguono fatti. Infatti, saranno presenti sezioni dedicate quali Maker Art e Maker Music che “esploreranno l’intersezione tra arti, musica, scienza e tecnologia”. Un’occasione da non perdere per immergersi in modo libero nelle nuove frontiere della tecnologia. Potremmo essere i nuovi vincitori dei Grammy componendo musica con un umanoide? Harry Styles deve preoccuparsi di noi?

 

Ti sei perso l’edizione 2022? Don’t panic, ecco il riepilogo: Non solo Robotica, alla Maker Faire Rome 2022 focus su Agritech e sostenibilità

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci