C.S.I. Customer Success Italia

Differenze tra Customer Success e Customer Service

Due diversi approcci al cliente che possono e devono coesistere, ma quali sono le principali caratteristiche del Customer Success? E del Customer Service?

 

 

Quando si parla di Customer Success uno degli errori più frequenti in cui si può incorrere è considerarlo un’evoluzione del Customer Service o, al più, un suo sinonimo. L’assonanza tra i nomi e – per quelli tra voi che non avessero ancora ascoltato la prima puntata di C.S.I.  – la poca dimestichezza con la definizione di Customer Success potrebbe portare a pensare che siano più o meno la stessa cosa. Invece, parliamo di due approcci al cliente differenti, che possono e, anzi, in molti casi devono coesistere, anche se non è detto che siano sempre applicati entrambi.

Il Customer Service è l’elemento fondamentale di ogni business, essendo il primo punto di contatto tra l’azienda e il cliente in caso di problemi, e ha come obiettivo principale la risoluzione in modo efficace e tempestivo delle difficoltà incontrate dai clienti, garantendone la soddisfazione nell’esperienza. Tipicamente le aziende dedicano a questo aspetto delle relazioni un team di servizio, che si mette a disposizione dei clienti finali in caso di bisogno. 

 

 

Ascolta anche l’episodio pilota: Guida al successo del cliente, il Customer Success come valore aggiunto

 

 

Il Customer Success, invece, si focalizza su una relazione proattiva e a lungo termine con il cliente. L’obiettivo è assicurarsi non solo che i clienti ricevano ciò per cui hanno pagato, ma anche che traggano il massimo valore possibile dal prodotto o dal servizio, contribuendo così al loro successo continuo. Questo approccio richiede una comprensione profonda degli obiettivi del cliente, con l’intento di anticipare e soddisfare le sue esigenze prima che si trasformino in problemi.

Il punto di azione di queste due funzioni aziendali avviene in momenti distinti della relazione con il cliente. I due approcci, infatti, perseguono obiettivi diversi.

  • Il Customer Service è incentrato sulla risposta immediata ai problemi dei clienti. Ad esempio, il cliente di un eCommerce che riceve un pacco danneggiato può aspettarsi una rapida sostituzione o rimborso. Reattività ed efficienza sono le parole d’ordine.
  • Il Customer Success mira a prevenire i problemi prima che si verifichino. Prendiamo ad esempio una piattaforma CRM come MS Dynamics o Salesforce: il loro team di Customer Success lavora proattivamente con i clienti per assicurarsi che utilizzino il software al meglio, riducendo così la necessità di assistenza post-vendita.


Per approfondire le altre differenze tra i due approcci non vi resta che ascoltare questa puntata di C.S.I. Customer Success Italia, la nostra serie podcast realizzata in collaborazione con Chorally.

M. B.

Ospite

Potrebbero interessarti

PODCAST

L'esplorazione delle diverse strategie per avere successo con i moderni prosumer, anche nel mondo retail
People

Oltre il SaaS, il Customer Success in tutti i settori

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Misurare il successo: una moneta a due facce

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Differenze tra Customer Success e Customer Service

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

La prassi di riferimento per i professionisti del Customer & Data Management è realtà
Big Data

La prassi di riferimento per i professionisti del Customer & Data Management è realtà

IT'S RAINING BOTS
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Netflix, Spotify, Lynk & Co e Washpass: cosa hanno in comune?
People

Cos’è il Customer Success e perché dovrebbe interessarmi?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile