C.S.I. Customer Success Italia

Cos’è il Customer Success e perché dovrebbe interessarmi?

Il cambiamento radicale nel Customer Success, oltre la tecnologia. Cosa hanno in comune Netflix, Spotify, Lynk & Co e Washpass?

 

 

Nel mondo sempre più interconnesso e veloce del business, ci sono storie che sembrano distanti nel tempo, che, però, hanno rivoluzionato il modo in cui pensiamo l’approccio ai clienti. Netflix e Spotify, con la loro filosofia che le porta ad essere più di semplici piattaforme di streaming, insieme a Lynk & Co e Washpass, stanno ridefinendo il concetto di Customer Success. Di questo e di tanto altro discutiamo nella nuova puntata di C.S.I. Customer Success Italia, la serie podcast in collaborazione con Chorally, che vede come speaker gli esperti Francesco Acabbi e Mark Bartucca.

 

 

Storie rivoluzionarie da prendere come esempio o monito

Lasciandoci alle spalle gli anni ’90, un’epoca in cui il noleggio di DVD e VHS dominava il mercato dell’intrattenimento domestico, Netflix emerge come un pioniere del cambiamento. Originariamente concepita come una società di noleggio di DVD per posta, Netflix ha rapidamente adottato il modello di abbonamento quando le tariffe postali hanno iniziato a mettere in pericolo il suo business. La vera svolta è arrivata con lo streaming, che ha rapidamente trasformato Netflix in una potenza dell’intrattenimento globale.

Allo stesso modo, Spotify ha scosso l’industria musicale con il suo modello di streaming. In un mondo dominato da iTunes e Apple, questa realtà ha offerto agli utenti un accesso illimitato a milioni di brani, cambiando il modo in cui si usufruisce della musica e “sostituendo al concetto di possesso quello di accesso”.

Questi due esempi sono conosciuti ai più, ma non sono solo le piattaforme digitali a rivoluzionare il Customer Success: ad esempio, una startup come Lynk & Co sta ridefinendo il concetto di mobilità. Offrendo un’unica opzione di veicolo – un mini SUV ibrido – disponibile solo tramite abbonamento, Lynk & Co ha trasformato il modo in cui concepiamo il possesso e l’uso delle automobili.

 

 

Ascolta anche la puntata zero: Guida al successo del cliente. Il Customer Success come valore aggiunto

 

 

Il presente con Washpass

Poi c’è Washpass, che ha preso un prodotto comune come la lavatrice e lo ha trasformato in un modello di abbonamento. Invece di acquistare l’elettrodomestico, i clienti possono semplicemente firmare un contratto per avere il prodotto, i detergenti e l’assistenza sempre disponibile, a un piccolo prezzo. Una rivoluzione? In quanti, d’ora in avanti, opteranno per la via del noleggio?

Esempi come questi dimostrano che il Customer Success non riguarda solo la tecnologia, ma anche un cambiamento radicale nell’approccio al servizio e alla relazione con il cliente. Non si tratta solo di vendere un prodotto o un servizio, ma di offrire un’esperienza completa e personalizzata che va oltre le aspettative del prosumer.

 

 

Ascolta anche: Una transizione ecologica equa è possibile. Con Patrizia Rutigliano (Poste Italiane)

 

 

Può sembrare che giganti come Netflix e Spotify abbiano un vantaggio naturale nel relazionarsi con i clienti, ma anche le aziende tradizionali possono imparare da queste storie di successo. Trasformare la propria relazione con i clienti – passando da una mentalità di vendita a una di servizio ricorrente – può portare a nuove opportunità di differenziazione e crescita del fatturato.

In un’epoca in cui il Customer Success è diventato un concetto chiave per le aziende SaaS, e non solo, è essenziale adottare un approccio che vada oltre il semplice supporto tecnico. Sia che si tratti di trasformare un’Industria consolidata sia che si debba reinventare un servizio di base, il segreto sta nell’essere audaci, innovativi e sempre orientati al cliente.

Per saperne di più vi rimandiamo all’ascolto di quest’ultima puntata.

 

Ascolta anche: Aziende, ecco come avere successo con la Social Media Policy

Ospite

Potrebbero interessarti

PODCAST

L'esplorazione delle diverse strategie per avere successo con i moderni prosumer, anche nel mondo retail
People

Oltre il SaaS, il Customer Success in tutti i settori

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Misurare il successo: una moneta a due facce

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Differenze tra Customer Success e Customer Service

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

La prassi di riferimento per i professionisti del Customer & Data Management è realtà
Big Data

La prassi di riferimento per i professionisti del Customer & Data Management è realtà

IT'S RAINING BOTS
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Netflix, Spotify, Lynk & Co e Washpass: cosa hanno in comune?
People

Cos’è il Customer Success e perché dovrebbe interessarmi?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile