WOW - WOMEN ON WEB

Le competenze digitali non sono (solo) per nerd

Intervista a Valentina Nucera, Responsabile Operativo dell’Orientamento e della Formazione in MADE

 

Le competenze digitali sono la bestia nera d’Italia. L’Indice DESI – l’indice della Commissione Europea che rileva il livello di digitalizzazione dei Paesi membri –  colloca il nostro Paese al 25° posto su 27. Perché non riusciamo a decollare su questo fronte?

In questa nuova puntata di WoW – Women On Web, il programma di Radio Activa che ambisce a raccontare la trasformazione digitale da un punto di vista femminile, Federica Meta e Francesca Pucci ne hanno parlato con Valentina Nucera, Responsabile Operativo dell’Orientamento e della Formazione in MADE.

 

Ascolta anche: Il valore della community online nel Sociale

 

Ai nostri microfoni, Valentina Nucera ci spiega che “l’impressione è che la digitalizzazione, il trasferimento digitale, come le competenze – che sono la base, vengano sempre visti divisi per scomparti”.  Formazione umanistica, competenze digitali, hard o soft skills: tutto viene diviso, settorializzato, scollegato dal resto. Sebbene in questi ultimi anni le imprese hanno sperimentato e compreso quanto le competenze digitali siano importanti, ad oggi l’implementazione nelle aziende di macchinari innovativi è sì aumentata, grazie agli incentivi e alle agevolazioni fiscali, ma questo step non è ancora sufficiente. “Le risorse umane sono al centro di questa trasformazione digitale. Non si può pensare che una trasformazione come questa possa essere divisa, è una trasformazione trasversale che tocca tutte le risorse. Non è solo l’operatore 4.0, non è solo il softwarista che deve essere riskillato”.

 

Ascolta anche: Una, nessuna, centomila nerd: Materie STEM & Gender Gap

 

Cosa fare per invertire il trend? Una strategia di largo respiro deve riuscire a mettere a sistema diversi attori; e sicuramente un ottimo punto di partenza, in questo campo, è la scuola. Aggiunge Nucera: “Non possiamo pensare alle risorse del futuro senza capire che il cambiamento deve partire dalla scuola, ad esempio nell’orientamento”. Ripensare il passaggio scuola-lavoro, dunque. Ma non solo.  Nel corso dell’intervista Valentina Nucera ha spiegato alcune best practices nei Paesi del nord, dalla Finlandia alla Germania, e ha ragionato su un settore, quello manifatturiero, che ancora oggi è appannaggio di un mondo prettamente maschile. Eppure vi sono molti modi per invertire questo trend. Per saperne di più, premi Play e ascolta il nuovo podcast di WoW- Women on Web!

T. Sharon Vani

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ospite

Valentina Nucera

Valentina Nucera è Responsabile Operativo dell’Orientamento e della Formazione in MADE. Si è laureata presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia e l’Università di Klagenfurt. Ha vissuto undici anni a Stoccarda, dove ha collaborato, tra l’altro, presso il Consolato Generale d’Italia, la Camera di Commercio Italo-tedesca di Monaco-Stoccarda e l’Associazione degli Imprenditori del Baden-Württemberg. […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Scopriamo Ernesto - Intervista al Founder e CEO Riccardo de Bernardinis
Trasformazione Digitale

Ernesto: più di un semplice tuttofare

START M'UP
con Francesca Ponchielli

PODCAST

pico fondazione cooperativa
People

Il cooperativismo di piattaforma

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

PA: la transizione digitale deve seguire i bisogni del cittadino
Trasformazione Digitale

PA: la transizione digitale deve seguire i bisogni del cittadino

ECOSYSTEM STORIES
con Paolo Emilio Colombo

PODCAST

Start M'Up Radio Activa - Medicalbox: ogni visita medica a portata di clic
Health

Medicalbox: ogni visita medica a portata di clic

Ospite: Iolanda Nocera

START M'UP
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Start M'Up Radio Activa - Medicalbox: ogni visita medica a portata di clic
Trasformazione Digitale

F2D: la digital-platform per PMI e Startup

START M'UP
con Michela Lombardi

PODCAST

5G: i vantaggi per le PMI
Trasformazione Digitale

5G: i vantaggi per le PMI