L'INCREDIBILE HUB

Verso la creazione di un ecosistema insurtech. Il punto su Vittoria hub

Con un focus sui servizi e sugli obiettivi dell’E-Market, il progetto di Vittoria Assicurazioni in collaborazione con Vittoria hub e le sue startup

 

 

Torna L’incredibile hub con l’episodio che chiude il ciclo su Vittoria hub, l’incubatore insurtech di Vittoria Assicurazioni dedicato all’Open Innovation.

Nel corso della prima puntata, incentrata sulle startup incubate all’interno di Vittoria hub, ad accompagnarci c’era stata principalmente la voce di Nicolò Soresina, Chief Executive Officer e Chief Operating Officer dell’incubatore, ma non erano mancate “incursioni” tratte dalle nostre interviste ai fondatori di VillageCare e Cyberangels.

Questa volta approfondiamo il concetto di “ecosistema insurtech” e, prima ancora, quello di “insurtech”, grazie a un’intervista all’ex Presidente di Vittoria hub, Gian Franco Baldinotti, registrata a gennaio 2023 a Milano. “Su Wikipedia l’insurtech è definito come ‘l’uso di innovazioni tecnologiche progettate per ottenere risparmio ed efficienza dall’attuale modello del settore assicurativo’, una definizione un po’ riduttiva”, esordiva Baldinotti, per poi spiegare che il fronte su cui Vittoria hub intende vincere la battaglia competitiva non è tanto quello del contenimento dei costi, quanto quello dell’incremento dei ricavi. Più nel dettaglio,

attraverso soluzioni insurtech è possibile ottenere due macro-risultati: il primo è quello di generare un nuovo sistema di offerta, che oggi non esiste e che ci può consentire di raccogliere premi su dei bisogni che non sono stati ancora soddisfatti; il secondo è che, attraverso l’impiego di alcune tecnologie, è possibile allargare la dimensione del mercato potenziale assicurativo, oggi limitato dal fatto che gli oggetti assicurabili sono pochi e sono quelli la cui esistenza e la cui proprietà sono certificate da un ente terzo. Una casa, una macchina, un immobile, una persona, di certo non una bicicletta. Con una nuova tecnologia, però, l’IoT o gli NFT ad esempio, è possibile generare un sistema di pubblico consenso che di fatto certifica l’esistenza e la proprietà di quell’oggetto.”

Alla dimensione di ecosistema insurtech, però, concorrono non solo le nuove tecnologie applicate ai consueti servizi assicurativi di prevenzione, assistenza, rimedio e monitoraggio, ma anche la costituzione di un ambiente armonizzato e integrato in cui il cliente possa entrare e navigare a piacimento tra le diverse offerte.

 

 

Ascolta anche Cyberangels: gli “angeli” della cybersecurity di micro e piccole imprese

 

 

Un’applicazione pratica del concetto di ecosistema insurtech è proprio l’E-Market lanciato di recente da Vittoria Assicurazioni in collaborazione con Vittoria hub e alcune delle sue startup. Di recente, su questo argomento è intervenuto ai nostri microfoni il nuovo Presidente di Vittoria hub, già direttore generale di Vittoria Assicurazioni, Matteo Campaner. “L’E-Market ha per noi due obiettivi”, ha esordito il Presidente Campaner. E ha poi continuato:

Nell’ottica di Vittoria hub, ha lo scopo di fornire una prima vetrina per le startup, perché chiaramente è un mercato aperto a tutto il pubblico, però è particolarmente rivolto ai clienti di Vittoria Assicurazioni. Quindi stiamo offrendo, e offriremo in maniera sempre più marcata, e con maggiore personalizzazione, i servizi o i prodotti che le startup genereranno ai nostri 2milioni di clienti. Credo che per una startup questa sia di per sé una soluzione di valore perché le consente un accesso facilitato e privilegiato a 2milioni di clienti. In termini più ampi, per noi l’E-Market è essenziale per realizzare una serie di servizi da mettere a disposizione dei nostri clienti, quelli delle startup, certo, ma anche altri tipi di servizi che vanno nell’ottica di comporre gli ecosistemi di cui ci dotiamo. Usiamo la logica del servizio per intercettare anche nuovi clienti cercando poi di sviluppare il rapporto anche dal punto di vista assicurativo. Il mercato dei servizi è un po’ più aperto e meno regolamentato di quello assicurativo ed è più facile che, in occasione di un bisogno, le persone possano riconoscere la necessità di un servizio che risolva quel bisogno. Se avremo servito questi clienti con dei servizi nel momento del bisogno, e se lo avremo fatto bene, saremo in grado da un lato di offrire loro una soluzione assicurativa per coprire lo stesso bisogno, magari in maniera anticpata rispetto all’evento che lo ha generato, e dall’altro di farlo in maniera più personalizzata perché avremo capito meglio com’è fatto quel cliente, che bisogni ha e in quale contesto opera”.

In sostanza, la logica dell’E-Market è quella di offrire servizi per soddisfare i bisogni dei clienti, che saranno venduti o in modalità Stand Alone, ovvero come servizi puri, oppure incorporati all’interno di una copertura assicurativa e, quindi, come garanzia all’interno di un prodotto assicurativo proposto dalla rete distributiva tradizionale di Vittoria Assicurazioni.

Nell’attuale proposta dell’E-Market troviamo i servizi relativi all’assistenza per gli ecosistemi Casa e Persona offerti da Ernesto e le prestazioni medico-sanitarie prenotabili tramite Micuro, tra le prime startup incubate all’interno di Vittoria hub.

 

 

Ascolta anche: Insurtech or out, verso la digitalizzazione dell’Industria assicurativa

 

 

Cosa prevede il futuro di Vittoria hub? Ancora, su quali tecnologie si concentreranno le prossime call for ideas? Per rafforzare quali ecosistemi?

Per saperne di più non vi resta che ascoltare questo episodio (e recuperare il precedente, qui).

Nel frattempo vi basti sapere ancora, con le parole di Campaner, che, all’interno di Vittoria Assicurazioni, “crediamo in questo progetto ogni giorno di più, perché abbiamo toccato con mano l’utilità e i benefici che ne abbiamo in termini di società e di persone e soprattutto per quello che vediamo che si genera e che può essere offerto ai clienti. Non solo continueremo a lavorare e a investire in Vittoria hub, ma probabilmente lo faremo con maggiore intensità rispetto agli sforzi pur intensi e significativi profusi negli ultimi quattro anni, da quando siamo partiti”.

S. C.

Sabrina Colandrea

Ospite

Gian Franco Baldinotti

Presidente di Vittoria hub e Chief Marketing Officer di Vittoria Assicurazioni fino alla sua prematura scomparsa, avvenuta nell’estate del 2023, Gian Franco Baldinotti, classe ’59, si era laureato in Ingegneria meccanica all’Università di Genova con una specializzazione in Termotecnica e una tesi sulle pompe di calore. Aveva poi ricoperto il ruolo di responsabile marketing all’interno di […]

Riccardo de Bernardinis

Riccardo de Bernardinis è un imprenditore digitale e fondatore del portale Ernesto.it. Nel 2015 ha fondato la sua prima startup, una piattaforma di condivisione di contenuti per i professionisti dei settori della moda e del design. De Bernardinis può vantare un’alta expertise nei settori marketplace e del Digital Marketing, coltivata durante la sua formazione sia […]

Matteo Campaner

Direttore Generale di Vittoria Assicurazioni dal 2021 e Presidente di Vittoria hub dal 2023, Matteo Campaner vanta quasi 30 anni di esperienza nel settore assicurativo. Approda a Vittoria Assicurazioni nel 1996 per cui ricopre diversi ruoli di responsabilità fino ad arrivare alla carica di Direttore Generale. Inoltre, è Presidente della Commissione permanente “Relazioni industriali” di ANIA […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Trasformazione digitale

Divario di genere nel settore ICT, tra stereotipi, cambi di rotta e impegno aziendale

Ospite: Cristina Zucchetti

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

C.S.I. Customer Success Italia
People

Guida al successo del cliente: il Customer Success come valore aggiunto

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

insurtech
Open Innovation

Verso la creazione di un ecosistema insurtech. Il punto su Vittoria hub

Ospite: Gian Franco Baldinotti, Riccardo de Bernardinis, Matteo Campaner

L'INCREDIBILE HUB
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Fleder è una piattaforma che ti permette di effettuare le analisi mediche comodamente a casa. Intervista all'infermiere e founder, Andrea Timolina
Health

Fleder, alla scoperta del primo ospedale digitale in Italia

Ospite: Andrea Timolina

SMASH
con Francesca Ponchielli

PODCAST

Cultura e Società

LILIA GIUGNI (University College London): La rete non ci salverà. Violenza digitale di genere e discriminazioni algoritmiche

Ospite: Lilia Giugni

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci