È nata Radio Activa Plus

Dall’esperienza di branded journalism alla produzione di podcast originali. Ora testata giornalistica

 

 

 

 

Dal 2022 Radio Activa si è evoluta in Radio Activa Plus, testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma, ma quando e da dove siamo partiti?

Nata nel 2019 come esperienza di branded journalism, Radio Activa si è evoluta nel tempo in una web radio dedita alla divulgazione della cultura digitale e d’impresa, specializzata sui temi dell’innovazione tecnologica (blockchain, intelligenza artificiale, Machine Learning, realtà virtuale e aumentata, per citarne solo alcuni).

Con il tempo la nostra programmazione si è intensificata grazie all’attivazione di importanti collaborazioni con esperti di settore e partner scientifici. Tra le partnership degne di nota quelle con la sezione IT di Unindustria; Engineering; The European House Ambrosetti; InnovUp; BLB Studio legale e Legaltech Italia. Ciascuna di queste collaborazioni ha portato all’ideazione di un podcast originale, pubblicato, oltre che su questo sito, nella pagina dedicata alle nostre trasmissioni, sulle piattaforme Spreaker, Spotify, Soundcloud: rispettivamente Talk About IT, Ecosystem Stories, Datascapes, L’incredibile hub, Legaltech Show.

Non sono mancate neppure le produzioni realizzate interamente dalla redazione di Radio Activa Plus, come Oll In, trasmissione condotta dal Presidente del Gruppo Activa, Lelio Borgherese, che ospita gli opinion leader che guidano la Digital Transformation; oppure On Top, un viaggio attraverso le storie – irte di ostacoli, ma anche costellate di successi – degli imprenditori e delle imprenditrici che hanno fatto la storia del nostro Paese.

Complessivamente, in questi primi anni di attività, abbiamo realizzato 48 trasmissioni, per un totale di oltre 1000 episodi, che hanno visto la presenza di più di 450 ospiti.

Per citarne alcuni: il filosofo e direttore del Digital Ethics Lab dell’Università di Oxford Luciano Floridi; il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini; il sociologo Domenico De Masi; l’ex DG di Apple Marco Landi; la Presidente della Sezione IT di Unindustria Vittoria Carli; l’ex Vice Presidente della Comunicazione di Google Jessica Powell; il giornalista Francesco Costa; il fondatore e direttore della rivista Limes Lucio Caracciolo; il Founder di United Ventures Massimiliano Magrini; il Presidente del CONI Giovanni Malagò; il politico, attivista e tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni Marco Cappato; lo scrittore e professore di Storia dell’Università di Exeter Jeremy Black.

 

Il nostro studio di registrazione

 

Nel 2022, forte dell’interesse consolidato attorno al nostro progetto, abbiamo scelto di fare il salto e trasformarci in testata giornalistica. La scelta del nome è ricaduta su “Radio Activa Plus” perché le collaborazioni e i podcast restano, ma si aggiunge l’anima giornalistica.

Grazie anche all’uso della piattaforma di web monitoring di Chorally, la nostra redazione – composta dalla direttrice responsabile, la sottoscritta Sabrina Colandrea, e da Tatiana Sharon Vani, Francesca Ponchielli, Eleonora Medica, con il supporto del tecnico del suono Andrea Zarrilli – coglie le ultime novità e dà voce ai protagonisti del momento con l’obiettivo di offrire contenuti originali, stimolare riflessioni e creare opportunità.

La sezione News del sito, che nel frattempo ha subito un notevole rebranding, viene, infatti, aggiornata quotidianamente con resoconti di eventi di settore – per esempio la Maker Faire Rome 2022 novità in ambito tecnologico e notizie di attualità, spesso corredate da interviste in formato audio.

Resta invariato il nostro intento: raccontare, in modo semplice, gli scenari più probabili ingenerati dalla trasformazione digitale, nonché le nuove tecnologie, l’impatto che hanno sul business e loro implicazioni etiche e sociali.

 

Sabrina Colandrea

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci