YOUNG TALENT

HRCoffee: l’AI che migliora la gestione del personale

Intervista alla Co-Founder Maria Cesaria Giordano

 

 

HRCoffee è una realtà che non è nuova a Radio Activa. Due anni fa su Techné veniva intervistato uno dei due Co-Founder, Davide De Palma, presentato al tempo come un giovane talento che aveva appena lanciato una startup innovativa. L’idea? La gestione bottom-up del personale, anche grazie all’intelligenza artificiale.

“La tecnologia che abbiamo sviluppato per la nostra piattaforma è in grado di generare nuove possibilità per le organizzazioni, proprio perché aggrega e raccoglie tutte le abilità e le competenze di cui ogni lavoratore è portatore e di conseguenza riesce a individuare le risorse più adatte per seguire un determinato progetto e allo stesso è anche in grado di predire le performance dei collaboratori”, spiegava De Palma.

 

 

Ascolta anche: Artificial Intelligence per l’Impresa

 

 

Oggi a quella intervista fa seguito un followup necessario. Perché HRCoffee si è evoluta, espansa ed è arrivata fino a Las Vegas! A parlare di questa evoluzione è Maria Cesaria Giordano, CEO e Co-Founder di HRCoffee.

Ma prima, qualche premessa.

HRCoffee ha sviluppato un modello di gestione del personale basato su una piattaforma che utilizza i chatbot per creare delle interazioni tra colleghi libere da gerarchie aziendali. I dati raccolti all’interno della piattaforma forniscono alle aziende un’analisi dettagliata di dipendenti e collaboratori. Il punto di partenza è la mappatura delle competenze delle persone (ricavata dalle interazioni in piattaforma), a cui fa seguito l’identificazione delle possibili aree di crescita su cui l’azienda potrebbe (e dovrebbe) lavorare.

Insomma, la tecnologia al servizio della gestione delle risorse umane!

 

 

Ascolta anche: Innovazione e AI al servizio dei cittadini

 

 

Se questo è il prodotto, Maria Cesaria Giordano ne approfondisce l’evoluzione.

Sono passati due anni e HRCoffee è cambiata. Una crescita resa emblematica dalla presenza della startup al Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, a gennaio 2022, seguita da una tappa a Barcellona, in occasione del Mobile World Congress, lo scorso marzo. In entrambi i casi l’azienda è stata invitata a raccontare la propria idea di people management e people analytics.

Un’idea che Giordano riassume in questi termini: “C’è una nuova sensibilità del management, a livello di relazioni c’è una rivoluzione in corso. Costruire una community aziendale per tutti i dipendenti crea un’intelligenza relazionale, fatta anche di emozioni. Ecco perché dico che l’intelligenza emotiva entra in gioco appena si sposa il nostro progetto”. E l’AI? “L’intelligenza artificiale è per noi un acceleratore, per mettere insieme tutte le informazioni che raccogliamo. Ci permette di realizzare delle proiezioni sulla crescita delle persone, e fornire indicazioni e suggerimenti per il miglioramento individuale”.

Se questo assaggio ti ha incuriosito, non perderti il podcast!

Eleonora Medica

 

Andrea Zarrilli

Ospite

Maria Cesaria Giordano

Maria Cesaria Giordano è CEO e Co-Founder di HRCoffee. Laureata in Psicologia dell’organizzazione e della comunicazione, ha conseguito un master universitario in Progettazione e management del multimedia per la comunicazione. Da sempre sostenitrice dell’importanza della comunicazione interna e della valorizzazione del dipendente per un miglior rendimento professionale e aziendale, ha negli anni ritrovato nei social le dinamiche […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Dall’AI all’avvento dell’AGI: quale futuro per il mondo del lavoro?

Ospite: Luca Foresti

OLL IN
con Lelio Borgherese