TALK ABOUT IT

Donne e lavoro, una sfida ancora aperta

Intervista a Alessandra Donnini, Lucia Fioravanti e Maddalena Nocivelli

 

 

Si fa fatica a credere che, a oltre mezzo secolo di distanza dalle lotte femministe e dalle prime conquiste in questo senso, l’autodeterminazione del genere femminile venga ancora messa in discussione. L’ultima fotografia dell’Istat ci racconta dell’incredibile. A pagare le conseguenze della crisi economica post-Covid, sono le donne. In totale, i lavoratori scendono di 101mila unità, di cui appena 2mila sono uomini. Questo significa che sono ben 99mila le donne che hanno perso il lavoro o che oggi risultano disoccupate.

In questa puntata di Talk About IT, il nostro programma in collaborazione con la sezione IT di Unindustria, Marco Borgherese intervista tre importanti dirigenti d’azienda: Alessandra Donnini, direttrice tecnica di EtcwareLucia Fioravanti, direttrice Finance & Corporate Affairs di Sogei, e Maddalena Nocivelli, Presidente di DAB Sistemi Integrati.

 

 

Ascolta anche: L’effetto della pandemia su protezione dei dati personali e privacy

 

 

“Il processo di digitalizzazione è fondamentale per supportare delle strategie di work-life balance”, spiega Lucia Fioravanti. E continua: “È necessario pensare a dei servizi specifici per diminuire la disoccupazione femminile”.

A maggio 2020, il Senato ha approvato le mozioni sulla parità di genere e il sostegno all’occupazione femminile: facilitazioni alla conciliazione lavoro-famiglia, nuove norme sullo smart working, congedi parentali più lunghi e un numero telefonico per contrastare il fenomeno delle dimissioni in bianco. Quasi il 50% delle donne italiane, infatti, ha modificato l’orario di lavoro o vi ha rinunciato per i figli nell’impossibilità di conciliare il proprio impiego con un altro lavoro, quello domestico, non riconosciuto e non retribuito. La cura della casa, l’accudimento dei figli e spesso, degli anziani.

Ma la strada è ancora lunga, come spiega Alessandra Donnini: “Sono tre gli elementi che aiutano le donne a realizzarsi nel lavoro: tempo, fiducia, opportunità. La mancanza di tempo, è proprio il fattore più limitante”.

 

 

Ascolta anche: I passi della rivoluzione

 

 

Diminuire il divario di genere è parte dell’Agenda 2030 degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, soprattutto in relazione all’incidenza femminile nell’ambito delle materie STEM. In queste discipline, infatti, le donne si laureano per prime, ma non riescono a fare carriera con la stessa velocità con cui hanno conseguito i loro risultati di studio. Esiste, insomma, un soffitto di cristallo, soprattutto negli sbocchi lavorativi.

“Occorre un cambio di mentalità, bisogna educare le bambine fin dalla prima infanzia ad avere una percezione di sé e delle proprie capacità”, spiega infine Maddalena Nocivelli, sottolineando l’importanza di una cultura della parità che affonda le radici nei primi anni di vita.

Luisa Vittoria Amen

 

Luisa Amen

Ospite

Alessandra Donnini

Alessandra Donnini è socia, co-fondatrice e direttrice tecnica di Etcware Srl, piccola azienda innovativa che realizza prodotti (ad esempio www.didattica.uniroma2.it, www.skosware.it), ma anche progetti di ricerca legati al Semantic Web e ai beni culturali ovvero Semantic Web & Education. Gli interessi di Donnini sono principalmente legati ai Linked Open Data, cioè gli Open Data interoperabili […]

Lucia Fioravanti

Lucia Fioravanti attualmente è direttrice Finance & Corporate Affairs di Sogei SpA. Laureata in Giurisprudenza e con una formazione giuridico-economica, Fioravanti negli anni ha sviluppato il proprio percorso professionale maturando significative esperienze in aziende leader nel campo delle tecnologie di precisione (Officine Galileo del Gruppo Finmeccanica), telecomunicazioni (Telecom Italia e Wind), Informatica e servizi CRM […]

Maddalena Nocivelli

Dopo la laurea in Filosofia e in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano e un Master in Economia e Organizzazione aziendale, ha iniziato a lavorare per imprese private sia in Italia sia all’estero, in vari settori, dal chimico-cosmetico al beverage. Nel 2000 ha co-fondato S4win, piccola azienda operante nel settore web di cui è tuttora Presidente. […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Cultura e Società

Dall’AI all’avvento dell’AGI: quale futuro per il mondo del lavoro?

Ospite: Luca Foresti

OLL IN
con Lelio Borgherese

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta degli scienziati. Sì, anche di quelli pazzi

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte